Si invaghisce della badante della mamma ma lei lo rifiuta: scoppia la lite

L’uomo le ha danneggiato l’auto fino a minacciarla

Nella giornata di ieri (9 maggio), il personale della Polizia di Stato è intervenuto in due diverse occasioni, per liti ai Quartieri Nuovi e in via Aspio Vecchia ad Ancona.

In un caso gli agenti hanno riportato la calma in seguito ad una lite scoppiata tra madre e figlio. Quest’ultimo aveva strattonato la donna perché, a suo dire, voleva restare solo in casa e lei ci stava mettendo troppo a prepararsi. Il personale giunto sul posto ha appreso che il responsabile, un anconetano di 44 anni, era stato in passato in cura al reparto di psichiatria di Torrette. Dopo una conversazione, l’uomo ha ammesso di non avere un buon rapporto con i genitori, perché secondo lui, troppo rigidi. Alla fine è salito volontariamente sull’ambulanza per un consulto presso il nosocomio, mentre la madre ha rifiutato le cure mediche.
Riportata la calma e assicuratisi che il giovane fosse giunto in reparto, il personale ha ripreso servizio.

Nell’altro intervento gli agenti si sono trovati davanti una romena di 44 anni, che asseriva che il figlio dell’invalida per cui svolge da circa un anno le funzioni di badante, aveva cominciato a pressarla con richieste e attenzioni non gradite, fino a minacciarla e danneggiarle l’auto per gelosia, tanto che la stessa aveva sporto denuncia. Nel pomeriggio di ieri, a dire della donna, il predetto le ha impedito l’accesso all’appartamento, suo luogo di lavoro.
Anche in questo caso il personale dopo aver ricostruito le fasi della discussione, hanno invitato la 44enne a formalizzare una querela per le ulteriori necessità ed il figlio della donna immobilizzata ad occuparsi della madre per il tempo necessario all’assistenza domiciliare a mandare una sostituta.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia