Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :

Roana Cbf in A2, il regalo più bello per Tito Antinori

/
img

VOLLEY – Il capolavoro del trio Balducci, Paolella e Storani: dedica obbligatoria al padre fondatore della società, scomparso quattro anni fa

di Andrea Busiello

Probabilmente dall’alto ci sarà qualcuno che starà festeggiando per un traguardo mostruoso. L’approdo dell’Helvia Recina in serie A2 non può non passare per Tito Antinori, il padre fondatore di questa società agli albori degli anni ’90. Antinori era praticamente l’anima di questa bella realtà e la sua figura, pur essendo salito in cielo da quattro anni, aleggia sempre dietro alla società arancione. In questo mix miracoloso che ha portato alla serie A2 il gruppo capitanato oggi da Pietro Paolella, Massimiliano Balducci e Maurizio Storani non può e non deve dimenticare colui che, ormai 20 anni fa, diede il via a questa creatura: oggi Tito Antinori sarebbe orgoglioso del suo staff e di un risultato obiettivamente mastodontico. Pietro Paolella e Massimiliano Balducci hanno preso il testimone di questa società e mettendo in campo quelle caratteristiche necessarie per vincere nella vita hanno costruito quello che a tutti gli effetti può definirsi un miracolo sportivo. Passione, abnegazione, ore sottratte alla famiglia e agli affetti, impegno e cura del dettaglio dalla più piccola bambina orange tesserata alla più importante. Giorno dopo giorno, mattoncino dopo mattoncino questa realtà è arrivata in serie A e per una piccola frazione come Villa Potenza è un risultato frutto di tanta dedizione. Le vittorie non arrivano mai a caso. Bisogna progettare, programmare, scegliere i collaboratori giusti e poi avere anche un pizzico di fortuna. Tutte cose che il trio Paolella – Balducci – Storani hanno saputo scegliere con bravura e perspicacia: dall’allenatore (bravissimo Luca Paniconi e il suo staff tecnico) al gruppo di giocatrici.

Insomma, tutto veramente perfetto. E probabilmente Tito Antinori dall’alto sarà orgoglioso di quello che ha lasciato in dote e ieri si sarà stropicciato gli occhi dalla gioia. Oggi è un giorno felice per tutta Macerata e per l’intero movimento pallavolistico ed è giusto pensare a festeggiare perché poi bisognerà organizzarsi bene per affrontarla la serie A. Ma con questo spirito così battagliero, gagliardo e vincente di questo manipolo di dirigenti orange sicuramente le difficoltà per il nuovo mondo verranno sopperite dalla grande voglia di non sfigurare.

(foto di Besi Kakuli)

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar
Click to Hide Advanced Floating Content