Zironelli: “Preso un gol da polli”, Serafino: “Abbiamo dominato”

Mauro Zironelli

SERIE C – Tecnico e Presidente della Sambenedettese analizzano la sconfitta di Cesena

Una battuta d’arresto arrivata a novantesimo inoltrato per la Sambenedettese che al Manuzzi di Cesena è stata sconfitta dai bianconeri per 2-1 proprio nei minuti di recupero. A parlare del match è stato il tecnico rossoblu, Mauro Zironelli: “Abbiamo cercato in tutti i modi di vincere, sfiorando la rimonta in diverse occasioni e il nostro portiere non ha fatto una parata in tutta la partita. Il primo gol preso è stato una grande disattenzione che non deve più capitare, però poi abbiamo avuto una grandissima reazione mettendo le cose a posto dietro e creando tante occasioni. Non posso chiedere nulla di più ai ragazzi: stavo svenendo quando il Cesena ha segnato perché non se lo meritavano, è una cosa incredibile. Nello spogliatoio ho detto ai giocatori che, se giochiamo così, difficilmente perderemo le partite. A 10 minuti dalla fine, il Cesena non vedeva l’ora che finisse la partita perché subivano da tutte le parti, non posso chiedere di più alla squadra”.

Il tecnico della Samb continua sulla stessa linea di pensiero precedente: “Sicuramente abbiamo preso un gol da polli, il primo, perché ci siamo fatti infilare subito. Credo che poi gli episodi ci abbiano sfavorito, tra il palo preso e un rigore grande come una casa a nostro favore. Non sanno nemmeno loro come hanno fatto a portare a casa la vittoria, segnando all’ultimo minuto nell’unica occasione in cui hanno superato la metà campo. Non posso rimproverare nulla ai ragazzi, penso che nella ripresa il Cesena abbia avuto il pallone al massimo per un minuto”.

Domenico Serafino, presidente Samb

 

Successivamente si aggiunge ai commenti post gara anche il presidente rossoblu, Domenico Serafino: “Purtroppo il primo gol è stato una doccia gelata. Poi abbiamo dominato il campo in lungo e in largo con tantissime occasioni, un palo di Maxi e un fallo su Lescano in area. Abbiamo costruito tantissimo e fa male non riportare neppure un punto a casa. Ma non posso dire nulla ai ragazzi perché non si sono risparmiati. Dobbiamo crescere in attenzione, fare questo scatto mentale e anche la fortuna girerà dalla nostra parte. Adesso pensiamo subito alla prossima partita prima di Natale”.