Vuelle domenica in campo a Trieste, il ds Cioppi: “C’è grande desiderio di iniziare”

BASKET – Pesaro pronta a fare sul serio

Pronti al decollo. E al debutto. Domenica la Carpegna Prosciutto apre il suo campionato 2022-’23 a Trieste ed è subito uno scontro diretto, anche se i biancorossi sperano di lottare per qualcosa in più della salvezza. Non esistono impegni agevoli e all’inizio c’è da conoscere bene e da studiare il parco delle avversarie.

Frank Gaines è passato per Pesaro così come il vice Massimo Maffezzoli, Campogrande si è visto nelle Marche. La squadra è da scoprire. Trieste ha l’ex Ferrara A.J. Pacher dolorante alla spalla sinistra, ma il lungo non sembra in dubbio per il match così come Frank Bartley, che aveva preso un colpo alla testa ma è tornato presto in palestra. Non ci sarà, invece, Alessandro Lever, che si è operato al ginocchio e ne avrà ancora per quasi due mesi. Il gruppo, molto rinnovato, ha avuto una preseason travagliata, non si è mai allenato al completo tra infortuni e arrivi ritardati. Trieste, che ha ridotto il suo budget dall’anno passato, vanta l’headcoach più giovane della categoria: Legovich ha 29 anni e da sette anni lavora nel club. E c’è anche il capitano più giovane della Serie A: il 22enne Lodovico Deangeli, che ha raccolto il testimone da Daniele Cavaliero, che ha appeso le scarpette al chiodo.

La Vuelle viene da un precampionato buono e vuole cominciare con il piede giusto. Ha recuperato Carlos Delfino dopo i trionfi con la Nazionale argentina e Cheatham, mentre pare più difficile riavere al meglio Charalampopoulos. La Vuelle avrà poi meno di una settimana per prepararsi alla prima in casa, programmata per sabato 8 ottobre alle 21 con Venezia. E la campagna abbonamenti è sempre aperta.

“Il lavoro è stato lungo. Abbiamo dovuto costruire la squadra, far arrivare i giocatori e disputare il precampionato. Logisticamente non è stato semplice, i ragazzi erano nuovi ma la macchina è partita e finalmente arriva un appuntamento ufficiale, si è sempre molto contenti alla viglia della prima palla a due – assicura il direttore sportivo biancorosso Stefano Cioppi -. Allo stesso tempo c’è una sana e importante tensione perché arriva il momento in cui i due punti pesano, è un misto di felicità e soddisfazione insieme al classico mal di pancia che c’è prima degli esami; ti sale l’adrenalina che ti porta a tenere alta l’attenzione sui particolari. Questi sentimenti sono condivisi da staff e giocatori, c’è grande desiderio di iniziare. Trieste? E’ sempre un tuffo nel vuoto senza rete. Hai visto al video la prestagione degli avversari, però non hai riferimenti certi. Nelle prime tre-quattro giornate è complicato avere una chiara idea dei rivali individualmente, con le loro caratteristiche. Si scopre molto sul campo ed è bello così». Stefano Cioppi è reduce dalla presentazione del campionato di Bologna e dalla Supercoppa di Brescia. «Ci sono stati una riunione con i dirigenti e poi un summit tra società e responsabili degli arbitri sulle novità del regolamento e vari input e poi le partite. Complimenti alla Virtus Bologna e a Sergio Scariolo in poche settimane ha festeggiato due trofei, Europei con la Spagna e Supercoppa italiana”.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS