Vigili del fuoco e Aism insieme per un soccorso inclusivo nelle abitazioni

Al via un percorso di studio ed analisi del rischio durante interventi con persone affette da sclerosi multipla

Nei giorni 29 e 30 maggio scorsi il Comando dei Vigili del fuoco di Ascoli Piceno è stato protagonista, assieme all’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM), dell’avvio di un percorso di sperimentazione sul tema del soccorso inclusivo nelle abitazioni.

Tale problematica rappresenta un aspetto di particolare interesse per il Corpo nazionale dei Vigili del fuoco specialmente in questo periodo di emergenza Covid-19, dove numerose persone sono costrette all’interno delle proprie abitazioni, con il rischio, quindi, di un incremento degli incidenti in ambito domestico. Per affrontare questa tipologia di interventi è stato definito, in coordinamento con l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla AISM, uno specifico percorso di studio ed analisi del rischio mirato ad affrontare le problematiche del soccorso connesse con la presenza di persone affette da sclerosi multipla (SM), patologia che può interferire per vari aspetti nella gestione di un’emergenza. Tra queste, la comunicazione con le vittime e la gestione degli ausili che utilizzano tali persone.

Nel progetto sono stati coinvolti i comandi dei Vigili del fuoco di Ascoli Piceno, Pordenone e Genova, in collaborazione con le sezioni provinciali di Aism. Tali istituzioni lavoreranno assieme al fine di elaborare specifiche procedure operative per il soccorso inclusivo e per la redazione di un vademecum “su come gestire situazioni critiche in attesa dell’arrivo dei soccorsi” da rendere disponibile sia per le persone con SM che per i loro caregiver. Gli studi saranno condotti per un periodo di almeno 4 mesi (da giugno a settembre 2020), anche attraverso simulazioni, in cui saranno coinvolte le persone e le loro famiglie, oltre che squadre dei Vigili del fuoco dei predetti Comandi.

Ad avviare i lavori sono stati il Comandante provinciale dei Vigili del fuoco di Ascoli Piceno, ing. Luca Verna, personale operativo VVF del comando, l’arch. Stefano Zanut dei Vigili del fuoco di Pordenone e l’arch. Elisabetta Schiavone dell’Osservatorio Nazionale dei Vigili del fuoco sulla sicurezza e il soccorso delle persone con esigenze speciali.

Le attività si sono sviluppate con sopralluoghi presso le abitazioni delle persone con Sclerosi Multipla che hanno dato la propria disponibilità ad essere coinvolte nella sperimentazione che si terrà a giugno. L’iniziativa è stata volutamente avviata, simbolicamente, nei giorni in cui nel mondo si parla di Sclerosi Multipla nell’ambito della Giornata internazionale che quest’anno si è tenuta il 30 maggio.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia