Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Vendere derivati della cannabis sativa è illegale: la Cassazione mette fine alla questione

img
Il questore di Macerata, Antonio Pignataro

Confermate le tesi del questore di Macerata che negli ultimi mesi avevano portato a chiudere diversi negozi in tutta la provincia

Con sentenza delle Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione, sembra essere arrivata la parola fine alla discussa vicenda relativa ai cosiddetti cannabis shop, ovvero i negozi che vendono prodotti derivati dalla canapa. Negli ultimi mesi, il questore di Macerata Antonio Pignataro aveva dato vita a una sorta di “crociata” che aveva portato alla chiusura di diversi cannabis shop in tutta la provincia. Ora, la recentissima sentenza della Cassazione pone un punto fermo sulla vicenda, confermando le tesi di Pignataro.

“La commercializzazione al pubblico di cannabis sativa L e, in particolare, di foglie, infiorescenze, resina, olio ottenuti dalla predetta varietà di canapa non rientra nell’ambito di applicabilità della legge 242 del 2016 che qualifica come lecita unicamente l’attività di coltivazione di canapa delle varietà ammesse e iscritte nel catalogo comune delle varietà delle specie di piante agricole, ai sensi dell’art.17 della Direttiva 2002/53/CE del Consiglio,, del 13 giugno 2002 e che elenca tassativamente i derivati della predetta coltivazione che possono essere commercializzati, sicchè la cessione, la vendita e in genere la commercializzazione al pubblico dei derivati della coltivazione della cannabis sativa L, quali foglie, infiorescenze, olio, resina, sono condotte che integrano il reato di cui all’art.73 d.P.R. n.309/1990, anche a fronte di un contenuto di Thc inferiore  ai valori indicati dall’art.4, commi 5 e 7, legge n.242 del 2016, salvo che tali derivati siano, in concreto, privi di ogni efficacia drogante o psicotropa, secondo il principio di offensività”.

La sentenza della Suprema Corte arriva a seguito del ricorso presentato dal Procuratore della Repubblica di Ancona nel procedimento penale a carico di un civitanovese di 28 anni.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar