Vandali imbrattano segnaletica del Parco: “Non c’è un sentiero tracciato”

La denuncia dell’Ente Parco

“Deturpare un pannello è un atto di vandalismo il cui ripristino generalmente comporta costi a carico della collettività. Esistono modi più civili per porre istanze ad un ente pubblico, ad esempio, contattandolo per telefono oppure per email”. Così inizia il post pubblicato dallo staff del Parco Nazionale dei Monti Sibillini per denunciare vandali che hanno imbrattato un pannello con alcune scritte criticando l’Ente accusandolo di non “tracciare i sentieri”. E ancora: “Tutto bello ma ci si perde”.

L’ente Parco si occupa della segnaletica dei sentieri e i costi di manutenzione, tuttavia precisa: “E’ chiaro che in mancanza di una manutenzione diretta e di una segnatura costante di questa residua rete di sentieri storici, la loro fruizione deve rivolgersi a persone più esperte consapevoli dei pericoli e delle difficoltà che la montagna riserva. Escursionisti in grado di leggere una cartografia e di orientarsi su sentieri Wilderness. Per tale ragione il Parco, seppur non vietando, invita sempre i visitatori (attraverso tutti i canali di comunicazione disponibili) a percorrere tali sentieri avvalendosi delle guide ufficiali del Parco, delle associazioni come il Club Alpino Italiano o in generale di persone esperte. Non ultimo ha pubblicato la carta dei percorsi del Parco in scala 1:40.000 (Ed. 2012) che ben rappresenta e discrimina tutte le varie tipologie di itinerari.

Ciò non significa che non vi sia un costante impegno a migliorare, anche attraverso critiche, purché costruttive“.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia