Valdichienti si coccola il baby Sfasciabasti

ECCELLENZA – La mezzala compirà 17 anni ad aprile: “Non me l’aspettavo, fantastico allenarsi con Comotto o Borgese che ti aiutano a crescere”

Il Valdichienti era chiamato al riscatto obbligatorio contro l’Atletico Gallo dopo la clamorosa debacle con l’Urbino. Prestazione e risultato sono arrivati, anche nettamente, ma a spiccare nell’arco dei novanta minuti non sono i gol e le giocate degli scatenati Triana e Titone, c’è anche il nome di un ragazzino che risponde al nome di Nicolas Sfasciabasti.

Nel momento in cui il Valdichienti doveva risorgere, mister Bolzan si è guardato dietro e ha concesso la chance dal primo minuto al giovanissimo centrocampista classe 2005 (compirà 17 anni il prossimo 30 aprile). Una fiducia che lo stesso Sfasciabasti ha ricambiato nel miglior modo possibile. “Quasi non ci credevo quando mi ha detto che avrei dovuto giocare titolare – dice la mezzala verdefluo – Mi ha semplicemente detto di stare sereno e concentrato come lo ero negli allenamenti. Anche grazie all’aiuto dei compagni, tutto è stato molto più semplice”.

Arrivato lo scorso anno dalla Samb, Sfasciabasti, originario di Porto San Giorgio, si è messo prima in luce con il Ponte San Giusto e poi da settembre si allena in pianta stabile con la prima squadra. “Alla Samb giocavo punta, poi mister Marinelli mi ha provato mezzala e devo dire che questo ruolo mi si addice di più e mi piace moltissimo. Poi esordire accanto a due pilastri come Trillini e Borgese, tutto riesce più semplice ma allo stesso tempo bisogna essere all’altezza”. Questo timore reverenziale il 16enne non l’ha avuto vedendo la prestazione mostrata in campo. “Volevamo la vittoria a tutti i costi. Un’intera settimana a lavorare sodo e quel ko con l’Urbino ci è servito come carica per fare bene”.

Ora però quel posto da titolare Sfasciabasti non lo vuole perdere, o meglio, vorrebbe iniziare a ritagliarsi minutaggio importante nel corso della stagione. “E’ questo l’obiettivo. Ma già potermi allenare e ascoltare i consigli di professionisti come Comotto e Borgese, tanto per fare qualche nome, per me sono uno stimolo in più a migliorarmi e ringrazio la società e il mister per la fiducia concessami”. E siamo sicuri che questo sia stato solo l’inizio per Sfasciabasti.

Michele Raffa
Author: Michele Raffa

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS