“Vado da zia a installare un programma sul computer”, denunciato un cuoco

Nei guai anche la titolare di una rosticceria sorpresa mentre serviva clienti al banco

Nonostante gli appelli e le campagne di informazione, la Polizia Locale di Ancona continua a denunciare persone. Clamoroso quanto accaduto oggi pomeriggio in una frazione in provincia di Ancona dove una pattuglia della Locale, impegnata nel controllo del territorio, non ha potuto fare a meno di notare del movimento all’interno di una rosticceria. Quando gli agenti sono entrati all’interno del locale hanno potuto stabilire che in attesa di essere serviti c’erano delle persone. Una attività quella in questione che doveva rimanere chiusa, fatta eccezione per le consegne a domicilio e non certo per il servizio al banco. La titolare è stata denunciata.

Stesso identico destino per un cuoco di 29 anni, residente a Senigallia, che è stato fermato in via Flaminia dove la Polizia Locale aveva allestito un vero e proprio posto di blocco. Alla domanda cosa ci facesse ad Ancona, il 29enne non ha esitato a dire che si stava recando a casa di una zia per istallare un programma sul computer. Nella giornata odierna sono stati controllati 82 veicoli con tanto di ritiro delle autocertificazioni oltre a 20 pedoni, 70 attività commerciali 9 i parchi monitorizzati

    Ti potrebbero interessare

    Articoli più letti della settimana

    Articoli più condivisi

    Ultime dalla provincia