UniCam, l’8 aprile presentazione del libro di Francescomaria Tedesco

Si parlerà di sovranità moderna mettendo in evidenza i segni di debolezza del potere nella storia

Si terrà il prossimo lunedì 8 aprile presso la sala convegni del rettorato con inizio alle ore 14.30, la presentazione del libro “Sovereign Excess, Legitimacy and Resistance” di cui è autore il prof. Francescomaria Tedesco, docente della Scuoal di Giurisprudenza di UniCam.

Il libro è la traduzione inglese, edita da Routledge, uno degli editori più quotati al mondo, del libro del professor Tedesco uscito nel 2012 in italiano con il titolo Eccedenza sovrana (ed. Mimesis). L’edizione inglese è stata ampiamente rivista e modificata. L’incontro sarà aperto dai saluti del Rettore UniCam professore Claudio Pettinari e del Direttore della Scuola di Giurisprudenza professore Rocco Favale e introdotto dal professore Luca Baccelli della Scuola di Giurisprudenza UniCam. Oltre all’autore, interverranno poi i professori Carlo Galli dell’Università di Bologna e Dimitri D’Andrea dell’Università di Firenze.

Il libro è un percorso teorico nella sovranità moderna, con l’orecchio teso a quei segnali critici che nella storia hanno segnalato la debolezza del potere, la sua fragilità, il suo bisogno di riconoscimento da parte dei sudditi prima e dei cittadini poi.

Ho chiamato questo meccanismo – sottolinea l’autore – ‘teurgia politica’, perché proprio come per la dottrina cabbalistica, ma anche gnostica e neoplatonica, della teurgia (insufflare attraverso pratiche la divinità in un essere inanimato), lo Stato esiste solo nella misura in cui i cittadini gli tributano gloria, lo glorificano. Se Dio è pieno di gloria, perché glorificarlo? Se lo Stato è il potere sovrano superiorem non recognoscens, perché esso necessita di consenso perfino da parte delle vittime che mette a morte con la pena capitale? Queste alcune delle questioni trattate, servendomi di un personaggio di Shakespeare, l’ubriacone e assassino Barnardine di “Misura per misura”, il quale, messo a morte, si rifiuta di morire, e non morirà”.

Questo lampo sinistro nella storia del potere descrive icasticamente la resistenza al potere, la negazione di quella relazione di riconoscimento che, come la glorificazione, fa del potere ciò che esso è: il potere sovrano. E consente a Barnardine di farsi sovrano a sua volta. Sullo sfondo, la concezione della politica come inganno, artificio, truffa. Nozione che gli Inglesi, anche attraverso il teatro elisabettiano, presero da Machiavelli, le cui tesi arrivarono loro attraverso gli ugonotti francesi.

A poco più di cinquecento anni dal Principe, – conclude il professor Tedesco – una discussione non tanto su ciò che Machiavelli ha ‘detto davvero’, quanto su come egli ha incarnato il modello ‘italiano’ di potere cinico e truffaldino. Fili conduttori Bataille, Derrida, Schmitt, Agamben, Ginzburg, e tanti altri”.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS