Una trombosi e possibile addio al calcio, rientra e segna: la storia di Chessa

SECONDA CATEGORIA – L’attaccante 33enne del Recreativo P.S.E. in gol al secondo pallone toccato

di Maikol Di Stefano

Dalla trombosi al ritorno in campo con gol. È la storia di Leonardo Chessa, 33enne elpidiense, centravanti storico del Recreativo P.S.E, squadra di Porto Sant’Elpidio militante nel campionato di Seconda categoria. Quattro mesi, durante il proprio viaggio di nozze negli USA, l’attaccante delle “api” era stato colpito da un trombosi ad un polpaccio. Un problema di salute che ne aveva messo a forte rischio il ritorno sui campi di calcio.

Una volta accertata e rientrata la paura, Chessa si è subito rimesso a lavoro tornando ad allenarsi solo due settimane fa. Sabato, sul campo di Recanti, contro il Real Porto con i suoi sotto di un gol ha fatto il suo “nuovo esordio”. Un momento emozionante, diventato unico al secondo pallone toccato. Una conclusione da fuori area a scavalcare il portiere e firmare la rete del momentaneo 1-1. “Rientrare dopo quattro mesi dalla trombosi, segnare al secondo pallone toccato e ricevere un abbraccio immenso da tutti è stata una delle più belle soddisfazioni che questo sport mi abbia mai dato”. Le parole del centravanti, peccato per il suo Recreativo, beffato poi al 96’ dal 2-1 dei padroni di casa. Recreativo che si trova ultimo in classifica con un solo punto guadagnato, ma che ora spera nella rimonta anche grazie ai gol del suo bomber ritrovato.

Michele Raffa
Author: Michele Raffa

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS