Una stagione storica per la Giovane Ancona

Dai trofei al continuo lavoro con l’Atalanta

Tre trofei, la maglia biancorossa e quella dell’Atalanta a sfiorarsi, orgogliosamente collocate sul tavolo. È l’immagine che riassume una stagione che resterà nella storia della Giovane Ancona. La Società Dorica, che compirà 20 anni il 21 Luglio del 2024, ha chiuso l’annata presso lA Club House del Mandela di Ancona per rivivere un 22/23 in cui ha vinto quasi tutto quel che c’era da vincere, a dispetto della sua pur breve storia. “Doppietta Campioni Regionali e Torneo Velox con i 2008 di Mister Tuzza, che ci hanno regalato anche la prima storica vittoria alle Fasi Nazionali; primi in classifica anche coi 2006, 2007 e 2009. Ma la vera vittoria – spiega il Presidente Diego Franzoni – è veder crescere questi ragazzi, anno dopo anno, nei valori dello sport e nel divertimento. Il mio grazie va ai nostri giovani, alle famiglie che fanno tanti sacrifici per i figli, e poi alla nostra, di famiglia, fatta di dirigenti, tecnici e volontari senza i quali non avremmo ottenuto queste Coppe. Il grazie più grande va a Sergio Schiavoni, il nostro “difensore centrale” – ha scherzato Franzoni – sempre pronto con suo figlio Giampiero e la sua famiglia a proteggerci, sostenerci, rilanciare l’azione, come un grande libero”. “Sono io a ringraziare la Giovane Ancona – ha risposto il Presidente onorario – qualche settimana fa ero a Roma con il Presidente del Milan Scaroni per motivi di lavoro, e gli raccontavo proprio della Giovane Ancona. Mi ha detto: “I soldi spesi nei settori giovanili sono i soldi meglio spesi da noi imprenditori” e io concordo pienamente. Tenere i ragazzi lontano dalla strada e da distrazioni pericolose è il mio obiettivo da sempre, e per questo continueremo a sostenere la Giovane Ancona”.

“Conosco bene questa società – ha raccontato l’assessore Daniele Berardinelli – mio figlio ha giocato per questi colori e so del valore di tecnici come Santini e Impiglia. Siete una grande risorsa per la nostra comunità. Abbiamo delle partite importanti da giocare: la gestione del campo dell’Aspio, ad esempio, ma penso anche alla creazione di un bel torneo tra settori giovanili di tutta Italia. Ci piacerebbe il vostro aiuto. Abbiamo poi un sogno: recuperare il Campo di Pietralacroce per darlo in gestione condivisa tra diverse società, per farne la culla del settore giovanile Anconetano. Parliamone”.“Quello che abbiamo fatto quest’anno sarà difficile da ripetere – ammette il coordinatore del reparto tecnico Sandro Santini – Siamo pur sempre una Società di puro settore giovanile di periferia. Queste vittorie partono da lontano: abbiamo cambiato modo di lavorare, adottando il “Metodo integrato spagnolo”, come i colleghi dell’Atalanta ben sanno. Ovvero: lavoro negli spazi stretti e apprendimento “differenziale”, perché non basta palleggiare o stoppare bene la palla per la crescita di un calciatore. Dietro ogni allenamento ci sono ore di confronto e preparazione tra noi tecnici, da qui nascono i nostri risultati e i percorsi dei giovani che abbiamo coltivato. Come Guidobaldi, nel mirino della Fiorentina, o Candelari che pochi giorni fa ha firmato il primo contratto da professionista con Lo Spezia. Un grazie ai nostri istruttori, che con Impiglia e Lucarini ho il piacere di coordinare”.

Un sodalizio che vede nell’affiliazione con l’Atalanta, voluta 6 anni fa proprio da Schiavoni, un altro punto di forza. “Con piacere comunico qui per conto del nostro responsabile dell’attività di base Bonaccorso, che vogliamo continuare questa collaborazione – ha annunciato il referente bergamasco Isacco Mainardi – perché la Giovane Ancona rispetta i principi educativi e tecnici dell’Atalanta. Ne è la prova il Football Camp alla on piacere comunico qui per conto del nostro responsabile dell’attività di base Bonaccorso, che vogliamo continuare questa collaborazione – ha annunciato il referente bergamasco Isacco Mainardi – perché la Giovane Ancona rispetta i principi educativi e tecnici dell’Atalanta. Ne è la prova il Football Camp alla ricerca di talenti che stiamo organizzando proprio in questi giorni ad Ancona, grazie a Marco Impiglia che è il nostro referente di zona. Vi aspettiamo a Zingonia per incontri di formazione e perché no, una partita allo stadio”. “Ho accolto l’invito della Giovane Ancona con piacere – ha salutato il Presidente CONI Fabio Luna – ai vostri eventi cerco di non mancare mai come Comitato Olimpico, nonostante i tanti impegni, perché siete l’esempio di una società sana, fatta di valori e tanti volontari, che sono l’anima e il principio dello sport”.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS