Una donna alla guida del Psi: Rachele Laversa eletta segretaria

Il congresso del Psi

“Obiettivo principale: lavorare per riunire tutto il centrosinistra”

Si è svolto presso la sala convegni dell’ex Cinema delle Palme il congresso comunale del Partito socialista di San Benedetto del Tronto per il rinnovo della segreteria. È stata eletta per la prima volta come segretaria comunale una donna: Rachele Laversa.
Secondo le intenzioni del partito la scelta, nata da un percorso condiviso, è dettata da voglia di rinnovamento e di coinvolgimento della società civile, affinché il Partito Socialista ritorni ad essere fautore di rinnovamento presso i giovani, come è stato alle sue origini.

“L’elezione di Rachele Laversa – dicono al Psi – non è significativa solo perché si tratta di una donna ma anche perché durante le ultime elezioni amministrative ha dimostrato un proficuo impegno ed ha riportato ottimi risultati elettorali”.

Rachele Laversa al momento del suo insediamento afferma:
“D’ora in poi un obiettivo fondamentale che il partito intende ottenere è quello di lavorare per riunire tutto il centrosinistra e il raggiungimento di una coalizione coesa ed unita che smetta di logorarsi ancora nelle storiche ed ataviche divisioni perché solo così il centrosinistra potrà tornare a vincere: in caso contrario la storia ha dimostrato che, quando si fanno prevalere divisioni e protagonismi personali, si lascia campo libero alle forze populiste. Per questo ritengo necessario un confronto con tutti i partiti che si riconoscono in una sinistra riformista, progressista ed europeista.

Non è più il tempo delle fazioni dei guelfi e dei ghibellini nella politica sambenedettese, servono unità di intenti e di azioni, serve una visione lungimirante per la nostra città. Serve una presenza del partito nella società, serve tornare fra la gente coglierne i bisogni e le necessità per progettare azioni concrete perché il partito deve tornare ad essere una fucina non solo di idee, ma anche di iniziative concrete. Solo così potremo avvicinare i
tanti giovani sfiduciati e disinteressati – conclude Laversa – che non credono più nella politica che si sentono dimenticati e non capiti”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana