Usano l’acqua di pozzo per preparare conserve vegetali: i Nas chiudono un’azienda

Disposta la sospensione della produzione, il blocco e il divieto di commercializzazione di 19mila confezioni

Il NAS di Pescara ha condotto una serie di controlli coordinati con altri reparti speciali dell’Arma dei carabinieri. Al termine degli accertamenti, i militari della tutela salute abruzzesi, in collaborazione coi carabinieri del gruppo forestale di Chieti, hanno segnalato all’Autorità Sanitaria e amministrativa i responsabili di una ditta dedita alla produzione di conserve vegetali, i quali sono accusati di aver utilizzato acqua di pozzo, non controllata analiticamente, e senza le previste evidenze in h.a.c.c.p., per la produzione di conserve vegetali in salamoia. Inoltre, la ditta ha omesso di rimuovere carenze igienico sanitarie e strutturali del laboratorio.

Il dirigente del servizio igiene alimenti e eutrizione dell’A.S.L. Lanciano-Vasto-Chieti, intervenuto su segnalazione dei carabinieri, ha disposto l’immediata sospensione dell’attività produttiva, nonché il blocco e il divieto di commercializzazione di 19mila confezioni di conserve. Il valore del provvedimento, comprensivo delle attrezzature e dei prodotti posti sotto sequestro, ammonta a oltre un milione e mezzo di euro.

 

Alessandro Molinari
Author: Alessandro Molinari

Sono un amministratore

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS