Un pomeriggio Tranquillo: il giornalista di Sky a colloquio con universitari

L’esperto di basket a Macerata per parlare di mafia, politica e storia contemporanea all’interno del format “Pagine della Storia”

Ieri pomeriggio – martedì -, nell’Aula Blu del rinnovato Polo Pantaleoni dell’università di Macerata, si è tenuto il terzo incontro di “Pagine della Storia”, un ciclo di seminari e incontri organizzati dal professore Angelo Ventrone per parlare e ripercorre le vicende della storia contemporanea e non solo. Dopo i primi due incontri, che hanno visto diversi ospiti, tra cui Enzo Scotti, ex ministro degli Esteri, ieri pomeriggio i ragazzi hanno incontrato Flavio Tranquillo, noto giornalista sportivo di Sky, soprattutto nell’ambito del basket. Tranquillo, insieme al prof Angelo Ventrone, ha discusso della strategia della tensione, ambito in cui si è dedicato con grande interesse in questi anni, attraverso anche alla serie presentata su Sky” Il Buco Nero”. Un podcast, “Il Buco Nero” – il titolo rimanda alla strage di Piazza Fontana del Dicembre del 1969-composto da otto episodi da quindici minuti, dove si ripercorre a grandi linee il periodo dal 1947-1994. Episodi che sono legati da un filo temporale e che si incentrano attorno a sei parole chiave: complessità, paura, ideologia, inganni, Stato e comunicazione.

Nel corso del seminario il giornalista originario di Milano ha ripercorso la strage di Capaci che portò alla morte di Giovanni Falcone, toccando anche il tema della mafia e della politica, con l’elezione come Presidente della Repubblica, pochi giorni dopo, di Oscar Luigi Scalfaro a discapito di Giulio Andreotti prima, poi di rispondere nell’ultima parte alle domande poste dagli studenti. Un incontro, davvero formativo e Interessante, che ha permesso agli studenti di rivivere uno degli eventi che hanno segnato la storia dell’Italia. Il ciclo di incontri di” Pagine della Storia” proseguirà lunedì prossimo con ospiti Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime della strage di Bologna, Andrea Speranzoni, avvocato delle vittime, e Piera Amendola, ex politica, che parleranno della strage di Bologna, della destra eversiva e del rapporto con la criminalità organizzata.

Al termine dell’incontro, queste le parole di Flavio Tranquillo: “C’è la possibilità di colmare questo buco nero, ma dobbiamo metterci d’accordo su che cosa significa colmarlo. Se per colmarlo intendiamo la volontà di capire ogni giorno un pezzettino di più, mettendo a fattor comune tutte le capacità di ognuno nella propria sfera di competenza, possiamo diventare tutti cittadini e portare il nostro mattone, che non è una cosa buonista, ma solamente un esercizio di sopravvivenza civile e vita civile migliore rispetto all’alternativa opposta. Penso che sia importante portare queste tematiche all’interno dell’università perché il corso base universitario non può approfondire ogni singolo aspetto. Se parliamo di storia contemporanea ho visto dei manuali fatti davvero bene e da cui c’è da imparare tantissimo, ma che su questo periodo hanno trenta-quaranta righe, ma è normalissimo perché parliamo di secoli che hanno avuto delle storie iper complesse e importanti. Però è importante riuscire a capire che ognuno di quelle cose, inclusa questa che ogni giorno che passa, è sempre più storia e meno cronaca, nonostante abbiamo ancora tante questioni aperte. Anche questa è una di quelle cose che va studiata oggi e non risolta domani”.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS