Un anno dalla misteriosa scomparsa di Giuseppe Rosati: le ipotesi della figlia

“Chiunque possa darci delle informazioni utili a ritrovarlo non esiti a contattare le forze dell’ordine”

Un anno senza Peppe. Il prossimo 8 novembre saranno trascorsi 12 mesi dalla scomparsa di Giuseppe Rosati, l’anziano di 83 anni, ipovedente, di Cupi, minuscola frazione del Comune di Visso, in provincia di Macerata.

“Lo scorso settembre i Carabinieri, con l’ausilio di un cane specializzato nella ricerca salme, hanno di nuovo perlustrato la zona a ridosso della nostra abitazione, ma di mio padre non c’è traccia. Non sappiamo più cosa pensare“, racconta all’Ansa la figlia Claudia.

Le storie degli scomparsi per alcuni tratti si somigliano un po’ tutte, ma questa che ha per protagonista un anziano con problemi piuttosto importanti di vista sembra avvolta da un mistero particolare. “Mio padre – ricorda la figlia – nei giorni precedenti alla sua scomparsa aveva accennato con dei parenti alla volontà di non farsi trovare più, il sospetto che abbia messo in piedi una fuga volontaria non mi sento di scartarlo del tutto, ma non riesco a capacitarmi dove possa essere andato senza documenti e in teoria senza soldi”.
Nelle primissime ore dalla scomparsa i familiari di Giuseppe avevano anche avanzato l’ipotesi che l’anziano fosse stato aiutato da qualcuno ad andarsene, tanto che avevano presentato una denuncia contro ignoti. “Anche in tal senso non ci sono stati riscontri da parte delle forze dell’ordine”, dice Claudia, che solleva anche un’altra ipotetica ricostruzione: “Quel lunedì mattina papà mi disse di voler fare una passeggiata lungo la strada del borgo, non vorrei che perdendo magari l’orientamento si sia spinto oltre e sia stato vittima di qualche incidente e quindi sia stato fatto sparire. Ma tengo a precisare – aggiunge la donna – che questa è solo una delle tante ipotesi che ci siamo fatti in questo anno, ma non suffragata da alcun elemento oggettivo”. “L’unica cosa certa – sottolinea ancora la figlia – è che Giuseppe Rosati è scomparso misteriosamente nel nulla“.

Se lo sento ancora in vita? Nei primi mesi dalla scomparsa sì, lo sentivo vivo, oggi non saprei anche se ovviamente ci spero“, dice Claudia, che conclude con un appello: “Chiunque possa darci delle informazioni utili a ritrovarlo non esiti a contattare le forze dell’ordine”.

Author:

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS