Un anno da Poliziotti di Prossimità: bilancio positivo

ANCONA – A tu per tu con cittadini ed esercenti

Il bilancio del primo anno del servizio del Poliziotto di Prossimità non può che dirsi positivo. La disponibilità ed efficacia del dialogo con cittadini ed esercenti, costituisce sicuramente lo strumento più rapido di conoscenza delle problematiche, che quotidianamente vivono i quartieri cittadini, dal Centro al Piano, dalle Grazie a Brecce Bianche.

Nel corso dell’anno che va a concludersi, Mattia ed Eleonora, come ormai li conoscono i cittadini anconetani, sono riusciti ad incontrare tutti i negozianti, che hanno avuto parole di ringraziamento per loro, per il Questore Capocasa, e per la Polizia di Stato.

Lo spirito del servizio tra la gente e per la gente è stato particolarmente avvertito e sentito come testimoniano le tantissime segnalazioni ricevute e trasmesse dai Poliziotti di Prossimità, agli uffici competenti consentendo di intervenire in modo diretto a rimuovere alcune difficoltà rappresentate da residenti e commercianti (stranieri molesti, ragazzini fastidiosi, degrado urbano).
Le segnalazioni pervenute continuano ad essere annotate in apposite schede informative digitali, salvate nella rete locale di cellulari e tablet, che consentono ai poliziotti di prossimità di essere sempre aggiornati e tempestivi nei colloqui e negli interventi mirati.

Fondamentale anche il rapporto con le Direzioni scolastiche degli Istituti Comprensivi, che hanno ricevuto la visita del Poliziotto di Prossimità, di: Novelli-Natalucci; Cittadella-Margherita Hack; Posatora, Piano e Archi; Grazie-Tavernelle; Pinocchio-Montesicuro; Quartieri Nuovi; Ancona Nord, Collemarino, Torrette ecc.
Grande collaborazione e spunti di approfondimento, che sono oggetto degli incontri che si svolgono ormai dallo scorso anno scolastico, nell’ambito del Progetto che vede la Questura di Ancona impegnata in periodiche iniziative per le scuole e nelle scuole sia di Ancona che della provincia, sui temi prioritari per le istituzioni scolastiche (Bullismo, cyber bullismo, lotta alle dipendenze, rispetto verso le vittime vulnerabili).

Il Questore di Ancona: “Il Poliziotto di Prossimità rientra tra i dispositivi di sicurezza per prevenire, anticipare gli episodi delittuosi o comunque comportamenti di inciviltà, che incidono negativamente sulla vita urbana e quindi sulla qualità della convivenza civile “Esserci sempre ed Esserci prima” è la strategia vincente affinchè le Piazze, i Quartieri cittadini, siano luoghi di socializzazione e non di scontro”.

Author:

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS