Ufficiale: Marche in zona gialla da lunedì 11 gennaio

Istituto superiore di Sanità: “L’epidemia si trova in una fase delicata che sembra preludere ad un nuovo rapido aumento nel numero di casi”

Da lunedì 11 gennaio le Marche saranno in zona gialla. Le nuove disposizioni saranno valide fino al 15 gennaio, data in cui scadrà il Dpcm. Così è stato deciso secondo i dati che emergono dal monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità. L’ufficialità arriva dalla firma di una nuova ordinanza da parte del ministo della Salute, Roberto Speranza. “Una boccata d’ossigeno dopo un lungo periodo di restrizioni dure, ma dobbiamo restare prudenti perché il virus c’è e gira molto“, commenta il Presidente Francesco Acquaroli.

“Questa settimana si osserva un peggioramento generale della situazione epidemiologica nel Paese“. Così si legge nel monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di Sanità. “L’incidenza a 14 giorni torna a crescere dopo alcune settimane di decrescita, aumenta anche l’impatto della pandemia sui servizi assistenziali e questo si traduce in un aumento generale del rischio. L’indice di trasmissione nazionale è in aumento per la quarta settimana consecutiva e, per la prima volta dopo sei settimane, sopra uno. Tre regioni hanno un Rt puntuale significativamente maggiore di 1(Calabria, Emilia Romagna e Lombardia), altre 6 lo superano nel valore medio (Liguria, Molise, Sardegna, Sicilia, Umbria, Valle d’Aosta), altre 4 hanno un valore uguale (Puglia) o che lo sfiora(Lazio, Piemonte, Veneto). Una regione (Veneto) mostra un tasso di incidenza particolarmente elevato, rispetto al contesto nazionale”.

L’epidemia si trova in una fase delicata che sembra preludere ad un nuovo rapido aumento nel numero di casi nelle prossime settimane, qualora non venissero definite ed implementate rigorosamente misure di mitigazione più stringenti. Questo avverrebbe in un contesto di elevata incidenza con una pressione assistenziale ancora elevata ed in crescita in molte Regioni”.

Lombardia,Veneto, Emilia-Romagna, Calabria e Sicilia andranno in zona arancione. Le altre regioni dovrebbero rimanere in zona gialla. Non ci saranno invece regioni in zona rossa.

error: Contenuto protetto !!