Tutto pronto per il Guzzini Challenger, con tanto di montepremi maggiore

TENNIS – Si rinnova il consueto appuntamento stagionale. Il torneo recanatese al via lunedì, assenti i marchigiani Quinzi e Travaglia

di Andrea Verdolini

Il Guzzini Challenger compie un ulteriore step in avanti nella sua ultratrentennale storia: aumenta il montepremi a 46.600€, si adegua ai nuovi standard minimi imposti dall’Atp ed offre un tabellone di 48 giocatori estremamente interessante. Il torneo recanatese scatterà lunedì prossimo: tra le novità infatti ci sono anche i 2 giorni di stand by concessi ai tennisti che trascorreranno la domenica ed il lunedì tra un allenamento e l’altro. Poi si partirà a ritmo serratissimo per arrivare sabato alla finale di doppio (tabellone a 16) e domenica alla gara conclusiva del singolare, si spera in serata. Testa di serie n.1 sarà una wild card, il tedesco Mathias Bachinger (n.121 al mondo), giocatore di estrema solidità che vuole sperimentare la sua forza anche sul cemento. Gli altri giocatori favoriti, sulla carta, sono il russo Donskoy, giunto in semifinale a Nottingham, l’ucraino Stakhovsky, un agonista che spesso ottiene risultati sorprendenti e lo spagnolo Menendez Maceiras, finalista nel 2018 contro Daniel Brands. E gli italiani che non vincono a Recanati dal 2013 con Thomas Fabbiano? Non c’è quella vecchia conoscenza di Caruso, riuscito ad entrare nel seeding del torneo londinese ma gli azzurri sono ben rappresentati da due “terraioli” come Lorenzo Giustino e Filippo Baldi mentre curiosità per Filippo Gaio che al Guzzini aveva ricevuto il premio come migliore giovane promessa. Tre chances poi sono offerte ai promettenti Maggioli, Della Valle e Musetti. sabato alla finale di doppio e domenica, si spera, in serata alla gara conclusiva del singolare. Unico cruccio? Non ci sono gli attesi marchigiani Quinzi e Travaglia che hanno fatto altre scelte, di natura esclusivamente tecnica. “Il ricordo di Franceso e Giannunzio Guzzini è sempre vivissimo, ha ricordato il Presidente del Circolo Adolfo Guzzini, ma soprattutto il mio ringraziamento va ai tantissimi volontari che sacrificano il loro tempo per il torneo e per il circolo, da Pierpaolo Cenci, ai raccattapalle anche per una Scuola Sat con 110 tennisti in erba”. Ingresso, come sempre, gratuito per tutti: una “politica” ripagata con spalti, costantemente affollatissimi.

Alessandro Molinari
Author: Alessandro Molinari

Sono un amministratore

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS