Tutte le forze contro Fioravanti: maxi coalizione con Nardini candidato sindaco

Ufficializzata la scelta: “Impresa, le forze politiche alternative avranno un solo candidato”

Pd, M5S, Ascolto e partecipazione, Dipende da noi e Psi annunciano l’ufficializzazione della candidatura a sindaco di Ascoli Piceno per le Elezioni 2024 da parte di Emidio Nardini, già in campo nelle elezioni comunali 2019. “Abbiamo sempre ritenuto necessario aprire un confronto con le varie forze ed associazioni politiche locali che non si riconoscono e non condividono l’attuale amministrazione comunale con una imprescindibile prerogativa, quella volta all’individuazione di uno specifico indirizzo politico che potesse portare ad una ampia coalizione di forze politiche, comitati, associazioni e liste civiche e volta all’individuazione di una candidatura a sindaco unitaria. Tale percorso fu iniziato diverso tempo fa in Consiglio Comunale dai componenti dei tre gruppi (A&P, PD, M5S) che nel 2019 parteciparono alle elezioni con tre diversi candidati sindaci. Vista l’intesa venutasi a creare fra i vari consiglieri di opposizione si decise di provare ad allargare il tentativo di unità anche ad altre entità politiche non presenti in Consiglio” dicono gli esponenti della coalizione riformista.

“Dopo molti mesi di lavoro e di impegno siamo finalmente riusciti in una impresa che inizialmente molti ritenevano difficile, se non proibitiva, e cioè quella di costruire una coalizione di tutte le forze politiche alternative all’amministrazione Fioravanti la quale si è recentemente espressa anche sul nome del candidato sindaco: Emidio Nardini. E’ una novità perché le tre forze che parteciparono divise alle amministrative di quattro anni fa oggi fanno parte di un’ampia coalizione con un unico candidato. A prima vista potrebbe sembrare un falso, giacché Nardini ha partecipato alle scorse elezioni, ma la novità paradossale della riproposizione di un nome, sta nel come siamo arrivati a questa scelta. Come è stato detto è il risultato di una sintesi di vari gruppi, partiti, movimenti, organizzazioni” spiegano.

“La novità va ricercata nel lavoro che si è sviluppato e maturato in un’idea diversa di rappresentarsi e poi proporsi agli ascolani. Quindi la novità sta già nel rifiutare la logica tipo: Nardini sindaco, peraltro abusata da quasi tutti i partiti, quella di un uomo solo al comando, o anche quella di una delega che magari per pigrizia ed abitudine finisce a chi appare più forte, già vincitore, addirittura simpatico, brillante, ecc. Si è pensato di scegliere una persona che non accettasse un ruolo di delega (come in realtà per fatti istituzionali deve essere), ma desse per la sua storia e formazione personale le garanzie, non di metterci la faccia, ma tutto se stesso, per essere una sintesi di tutti gli attori, in questo caso partiti, movimenti, comitati, ecc. cioè una sintesi garantita di tutte le espressioni particolari. La novità sta in questo, cioè nell’estendere tale modello a tutti i concittadini, perché non siano deleganti o addirittura diventino sudditi di un potere da loro stessi demandato, quindi diventino non solo partecipi, ma protagonisti delle scelte importanti per la loro città e della loro vita” proseguono i rappresentanti delle liste che compongono “il Cantiere riformista”.

“Ascoli è una città bellissima, posta in un luogo bellissimo, un gioiello in cui sarebbe magnifico vivere, deturpato da anni di incuria, di stravolgimenti, che hanno arrestato ogni possibilità di crescita culturale, di avanzamento sociale, di aspettativa di lavoro per i giovani che ogni anno se ne vanno a frotte. Tutto questo nel nome di uno pseudo sviluppo di un’accezione economica dominante che è un vantaggio per pochi, man mano si sta rendendo sempre meno desiderabile vivere in questa città. Allora la novità è non pensare di indicare un candidato sindaco come gestore insieme a pochi altri, ma proporre l’accordo raggiunto da tutti i componenti (ed altri che vorranno aderire) della coalizione a tutti i cittadini, perché la città è un bene comune a cui tutti hanno diritto e a cui tutti possono e devono partecipare per renderla migliore” proseguono gli esponenti della coalizione di centrosinistra. “Quindi una richiesta non di consenso, ma di assunzione di responsabilità che non sarà quella del sindaco o di gruppi, partiti, associazioni di categoria, ecc. ma di tutti gli ascolani che diventeranno artefici del proprio destino. La novità assoluta per chi ci vuole stare sarà far diventare la città una realtà non solo culturale, sociale, ecc. ma anche creare ad Ascoli una politica da esportare, aperta alle aspettative e prerogative di tutti, in particolare di giovani e donne. Questo è possibile solo rispettando appieno e permettendo lo sviluppo delle intelligenze, le passioni, i desideri di tutti gli ascolani. Una città nuova per ascolani nuovi, cittadini diversi per una Ascoli diversa” concludono.

Author:

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS