Turismo e carenza lavoratori, Accoto: “Servono stipendi dignitosi e conciliazione vita-lavoro”

Sottosegretaria al Lavoro e alle Politiche Sociali, Rossella Accoto (M5s)

Replica all’assessore Aguzzi

Aguzzi sappia che i lavoratori si trovano offrendo stipendi dignitosi e conciliazione vita-lavoro“. Questa la replica della Sottosegretaria al Lavoro e alle Politiche Sociali, Rossella Accoto (M5s), all’Assessore Stefano Aguzzi che ieri aveva rilasciato dichiarazioni sul Reddito di cittadinanza, definendolo “diseducativo e disincentivante per trovare lavoro” (leggi).

Secondo Accoto, “i dati certificati ieri dall’Inps (importi medi dei percettori di Reddito di Cittadinanza sono di 478 euro per i singoli e 741 per i nuclei familiari composti da 5 persone) evidenziano come non possano essere queste cifre a dissuadere un cittadino dall’accettare un posto di lavoro stabile e pagato adeguatamente”. “Quindi, – prosegue – evitando la polemica con politici ed imprenditori che evocano referendum e carenze di lavoratori solo per portare avanti becere speculazioni nei confronti dei più deboli, bisogna capire quale sia il reale problema del nostro mercato del lavoro“. “I giovani – rimarca la sottosegretaria pentastellata – non chiedono più solamente uno stipendio commisurato all’impegno lavorativo, elemento non derogabile, ma possibilità di crescita, stabilità e benessere psico-fisico. Prima i nostri imprenditori capiranno questo, – prosegue – prima riusciranno a trovare i lavoratori che cercano. Non è più accettabile proporre lavori in nero, giornate lavorative di 13-14 ore, mancanza di turnazione degli orari di lavoro, assenza di giorni di riposo e assistere ad atteggiamenti umilianti e degradanti nei confronti dei lavoratori.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia