Trudo decide la battaglia del Carotti

Kevin Trudo

ECCELLENZA – La Jesina stende la Civitanovese: quattro espulsi in campo

di Giancarlo Esposto

Finisce con una vittoria strappata dalla Jesina con le unghie e con i denti, un match dal doppio volto, un primo tempo giocato a viso aperto, un secondo nel quale non si è giocato affatto. Arbitro dai cartellini sin troppo facili, a tenere sotto controllo un match molto combattuto con lealtà dobbiamo dire, a parte un accenno di rissa al triplice fischio, ma come in ogni derby che si rispetti, nessuno dei ventidue in campo ha provato a ritirare la gamba. Bottino finale, 4 espulsi, 8 ammoniti: da non credere! Parte forte la Jesina, all’inizio più concreta dell’avversaria, la prima occasione è proprio per la squadra di casa: il colpo di testa di Zagaglia, all’8’, servito di testa dal Nazzarelli, finisce sul palo. La risposta della squadra di Alfonsi arriva al 26’, colpo di testa di Domizi, ben appostato, angolatissimo, dove Pistola non può arriva, palla di poco a lato. Altro brivido per la retroguardia rossoblù al 43’, ma Nazzarelli, servito da Trudo, a pochi metri dalla linea di porta, si fa ribattere la conclusione da Ballanti. Il secondo tempo è da anticalcio e vi spieghiamo il perché: continua lo show dell’arbitro che non smette di sventolare cartellini, gioco continuamente spezzettato, poche le azioni degne di nota. La Jesina riesce perfino a sciupare la doppia superiorità numerica, perdendo nel giro di pochi minuti Nazzarelli e Giovannini, anche loro spediti anzitempo negli spogliatoi. Il nove contro nove, con ampi spazi a disposizione per i giocatori in campo, non offre granché. La prima occasione della ripresa arriva al 26’, il diagonale al veleno di Pasqualini, trova la pronta risposta di Pistola che sventa in tuffo. Poi il colpo di scena, proprio al 45’: lancio millimetrico di Belkaid, da quaranta metri per Trudo, che vola verso l’area ospite, Passalacqua lo atterra (forse tra tutti era l’unico da espellere per fallo da ultimo uomo). Dal dischetto è implacabile, palla da una parte, Testa dall’altra. Poi lo stesso Testa, nell’arrembaggio finale in area jesina, perde il controllo dei nervi e dà il via ad una rissa, che fortunatamente muore sul crescere. All’uscita delle squadre dal campo gli arbitri sono già sotto la doccia: eppure a termini di regolamento se non andiamo errati, dovrebbero essere gli ultimi a uscire.

JESINA-CIVITANOVESE 1-0
JESINA: Pistola, Grillo, Giovannini, P.Capomaggio (10’st Cordella), Baah Donkor (21’ st Dentice), Lucarini, Marcucci (5’ st Ciavarella, 25’ st Brega), Zagaglia (35’ st Belkid), Trudo, Zandri, Nazzarelli. (A disp Sansaro, Mazzarini, Giunti, Garofoli). All Strappini
CIVITANOVESE: Testa, Pasqualini (41’ st Ruggeri), Cosignani, Visciano, Ballanti, Passalacqua, Buonavoglia, Domizi, Spagna, Valentini (1’ st Candia), Strupscheki (30’’ st Brunet). (A disp Canella, Mangiacapre, Giordani, Ercoli, Bagnolo). All Alfonsi.
ARBITRO Manis di Oristano
RETE 46’st Trudo (rigore)
NOTE espulsi Buonavoglia 39’ pt, Spagna 8’ st, Nazzarelli 16 st, Giovannini 20’st; ammoniti 3’ pt Trudo, 14. Pt Marcucci, 19’ pt Domizi, 24’ pt Spagna, 29’ pt Buonavoglia, 36’ pt Ballanti, 46’ pt Visciano, 9’ st Alfonsi (allenatore), 46’ st Passalacqua; calci d’angolo 2-3; recuperi 1’+5’; spettatori 700

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS