Trenta cani ammassati in un’auto e importati nelle Marche illegalmente

Operazione delle Fiamme Gialle di Ancona al porto dorico: fermata la cosa di un turco e un tedesco, cuccioli con meno di 90 giorni di vita in condizioni critiche

Nel corso dei quotidiani controlli effettuati sui mezzi che sbarcano dalle navi di linea in arrivo nel porto dorico, le Fiamme Gialle di Ancona, in collaborazione con i Funzionari della Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno scoperto all’interno di una autovettura proveniente dalla Turchia e sbarcata da una motonave proveniente dalla Grecia, 30 cani trasportati in condizioni assolutamente precarie, in violazione a quanto previsto dalle normative in materia di protezione degli animali da compagnia e, di conseguenza, introdotti illegalmente in Italia.

Nel dettaglio, i due cittadini a bordo della vettura, risultati essere uno di nazionalità turca e l’altra di nazionalità tedesca, sono stati scoperti dai militari della GDF e dai funzionari delle Dogane di Ancona in possesso di ben 21 cuccioli, oltretutto stipati in 3 trasportini, e di 9 cani adulti di piccola taglia, trasportati in un unico box. La coppia, proveniente dalla Turchia e proprietaria degli animali, ha tentato di introdurli nel territorio dell’Unione Europea, senza però che fossero provvisti della prescritta documentazione e senza alcuna attestazione riguardo il rispetto della profilassi prevista dalla normativa veterinaria vigente. I 21 cuccioli, inoltre, sono risultati avere meno di 90 giorni di vita, età minima richiesta dalla legge per poter essere trasportati e sono anche risultati essere privi di microchip e di qualsiasi tipo di documentazione; i 9 cani adulti, di piccola taglia, dotati di microchip erano accompagnati da documentazione sanitaria incompleta.

Gli animali, a causa delle modalità di trasporto evidentemente inadeguate, si presentavano in condizioni di forte stress, manifestando di conseguenza nervosismo e un forte stato di malessere; sono stati immediatamente sottoposti a visita e, accertate le loro condizioni di salute, si è proceduto alle formalità previste per la loro regolarizzazione applicando come da normativa i prescritti microchip per l’identificazione. Tutti i cani, sia gli adulti che i cuccioli, sono stati sottoposti a sequestro mentre i due proprietari sono stati denunciati alla locale Autorità Giudiziaria, per traffico illecito di animali da compagnia e per il reato di maltrattamento. Gli animali sono stati affidati e attualmente custoditi presso un’idonea struttura della provincia di Ancona a disposizione dell’Autorità Giudiziaria dorica, in attesa dei successivi provvedimenti.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS