Tre punti nel Saco: l’Ancona risorge nel crocevia salvezza

SERIE C – I centrocampisti rilanciano la squadra di Colavitto che fa suo lo scontro diretto

I centrocampisti rilanciano l’Ancona. Nello scontro di bassa classifica con l’Olbia le reti di Saco e Paolucci permettono ai dorici di ripartire dopo due sconfitte consecutive e di centrare il primo pieno al Del Conero nel 2024, rispondendo alle concorrenti Spal, Sestri Levante e Vis Pesaro, vittoriose nei giorni precedenti.

Con Mondonico, Prezioso e Saco al rientro, mister Colavitto non snatura l’assetto delle ultime settimane confermando la difesa a tre, ma proponendo una novità a centrocampo con Cioffi preferito nell’inedita posizione di interno a Paolucci. Dopo la buona prova contro la Juventus Next Generation, in attacco viene confermato Giampaolo che agisce a sostegno di Spagnoli. Risponde Gaburro con l’esperienza di Dessena e Schiavone in mediana e la qualità di Ragatzu nel reparto avanzato.

Il match inizia sui binari giusti per i dorici, subito in vantaggio con l’incursione di Saco che finalizza l’azione avviata dalla verticalizzazione di Cioffi e rifinita dall’assist di Spagnoli. Al 17’ pericoloso Martina con un affondo sulla sinistra e relativo traversone sul quale nessuno arriva puntuale alla deviazione vincente. Serve un prodigio di Rinaldi per negare al 38’ il raddoppio al rasoterra di Cioffi, protagonista di un altro scambio in velocità con Spagnoli. L’Olbia si rende insidiosa per la prima volta allo scadere della prima frazione con la girata aerea di Bianchimano che timbra la parte alta della traversa su corner di Cavuoti.

La mossa a inizio ripresa di Colavitto di rinvigorire il centrocampo con gli inserimenti di Gatto e Paolucci produce frutti immediati perché l’ex Pescara festeggia il prolungamento del contratto fino al 2026 firmando il raddoppio quattro minuti dopo il suo ingresso in campo sul nuovo servizio delizioso di Spagnoli. La rete fallita al 70’ dal neoentrato Catania di fronte a Perucchini e i rossi sventolati in successione a Zallu e Motolese azzerano le speranze di rimonta dell’Olbia. Nel finale Paolucci sfiora pure il tris colpendo la traversa con un calibrato pallonetto.

ANCONA – OLBIA 2 – 0

ANCONA (3-5-2): Perucchini; Pellizzari (36’st Energe), Cella, Mondonico; Clemente, Saco (36’st Vogiatzis), Prezioso (9’st Gatto), Cioffi (9’st Paolucci), Martina; Giampaolo (23’st Moretti), Spagnoli. (A disp. Vitali, Testagrossa, Marenco, Agyemang, D’Eramo, Radicchio, Barnabà, Basso). All. Colavitto.

OLBIA (4-3-1-2): Rinaldi; Arboleda (1’st Zallu), Bellodi, Motolese, Montebugnoli; Dessena (21’st Guidotti), La Rosa (1’st Biancu), Schiavone; Cavuoti; Ragatzu (21’st Catania), Bianchimano (21’st Nanni). (A disp. Van der Want, Incerti, Mordini, Zanchetta, Palomba, Scaringi, Mameli, Scapin). All. Gaburro.

ARBITRO: Iacobellis di Pisa.

RETI: 10’pt Saco, 15’st Paolucci.

NOTE: espulsi al 26’st Zallu per doppia ammonizione e al 32’st Motolese per gioco scorretto; ammoniti Arboleda, Giampaolo, La Rosa, Bianchimano; recupero 2’pt e 3’st; spettatori 3200.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS