Tragedia di Rigopiano: “Nessuna giustizia per la morte di Marco e Paola”

Marco Vagnarelli e Paola Tomassini

Sabato 23 gennaio presso la chiesa di San Egidio a Castignano si svolgerà la cerimonia in ricordo dei due ascolani

di Luca Gabrielli

Il 18 gennaio è il giorno del dolore ma soprattutto è il giorno in cui torna a farsi forte la richiesta di giustizia per le vittime della tragedia di Rigopiano. Sono passati quattro anni da quando una gigantesca valanga di neve, alberi e detriti si staccò abbattendosi sul “Gran Sasso Resort” di Rigopiano.

Delle 40 persone presenti nella struttura ne morirono 29, due delle quali ascolane: Marco Vagnarelli di 44 anni e Paola Tomassini di 46. Lui, dipendente delle Whirlpool di Comunanza, nato e conosciutissimo a Castignano, lei di Montalto Marche lavorava in un autogrill dell’A14 nei pressi di Pedaso. La coppia viveva a Castignano e proprio a loro è stata dedicata la sede Avis del paese.
A quattro anni dalla tragedia non è stata fatta giustizia e le famiglie delle vittime aspettano di conoscere le responsabilità di una strage che non ha ancora colpevoli. Ferita aperta anche nella comunità di Castignano che ricorderà le due vittime con una messa sabato 23 gennaio presso la Chiesa di San Egidio.

A dare l’annuncio sui social anche i Monaci Templari di Castignano, di cui Marco faceva parte. “Si avvicina il triste anniversario della scomparsa dei nostri amici Marco e Paola, vittime della tragedia di Rigopiano e dell’avidità dell’uomo – scrivono su Facebook – che ancora non ha visto pagare nessuno per tutto il dolore causato alle molte famiglie coinvolte in questa sofferenza che ancora non trova pace. Vi aspettiamo sabato 23 gennaio ore 18.30 presso la chiesa di San Egidio a Castignano. Neanche il Covid ci fermerà! Perchè nessuno muore sulla terrà finché vive nel cuore di chi resta”.