Torna “Conterranea”, il dinner tour alla scoperta dell’olio DOP Cartoceto e delle eccellenze enogastronomiche

Le serate si svolgeranno a Colli al Metauro, Cartoceto e Mombaroccio

Un percorso che nobilita l’olio DOP Cartoceto e le eccellenze enogastronomiche del territorio, tre location suggestive che sorgono nei comuni dell’areale dell’unica DOP olearia delle Marche, tre eleganti concerti-spettacolo che raccontano il territorio e tre talk culturali, momenti di approfondimento su scienza, filosofia e teatro. Ad un anno di distanza ritorna Conterranea, il dinner tour che mette assieme ristorazione, luoghi di interesse storico e paesaggistico, musica di qualità e riflessione colta. Il format, promosso dai comuni di Cartoceto, Colli al Metauro e Mombaroccio e dalle rispettive Pro Loco, con il supporto del main sponsor Osteria del Cardinale, si prefigge l’obiettivo di far scoprire un territorio unico quanto ricco e plurale, capace di esprimere diversi itinerari.

Il viaggio, condotto anche quest’anno dalla narrazione teatrale di Filippo Paolasini, inizia questo venerdì, 30 giugno alle ore 20.30 da Colli al Metauro luogo dove scienza e poesia si incontrano. Nel comune che ospita il Museo del Balì, emblema della conoscenza scientifica, e che ha conferito la cittadinanza onoraria al poeta Mario Luzi, infatti, la serata indagherà il cielo quale luogo di esplorazione e di ispirazione. Location scelta, Piazza Bramante nella frazione di Montemaggiore al Metauro. La proposta della cena è curata dagli chef Arsenio Teloni e Matteo Baldelli del ristorante “Da Matteo”, con la collaborazione del divulgatore enogastronomico e sommelier Gianluigi Garattoni. Durante la serata, lo spettacolo-musicale “Viaggio sotto i cieli del mondo” percorso costruito ad hoc dalla cantante Frida Neri, dal contrabbassista Filippo Macchiarelli, dal flautista Fabio Mina. Il talk culturale ospiterà Massimo Fucci, divulgatore scientifico del Museo del Balì.

Il 21 luglio Conterranea prosegue il suo viaggio e fa tappa nei giardini di Palazzo Guidobaldo del Monte a Mombaroccio, comune dove scienza e fede dialogano da secoli. La figura del Beato Sante è forte e aleggia nell’aria e convive con l’aura scientifica di un intellettuale come il matematico Guidobaldo del Monte. A ben 800 anni di storia del santuario mombaroccese, la serata indagherà i rapporti tra fede e ragione, cercandone l’equilibrio in una zona franca. A curare il menu, gli chef Sergio Zebele e Anna Elisa Dell’Onte, del ristornate “Piccolo Mondo” , con la collaborazione del gastronomo e sommelier Otello Renzi. Durante la serata, lo spettacolo-musicale “Echi di fede e ragione… partendo da Battiato” progetto musicale costruito dalla pianista e cantante Elena Lodovici con Eros Rambaudi al contrabbasso e Giacomo Bartolucci alla batteria. La tematica sarà oggetto del talk tenuto dal filosofo dell’Università di Urbino Paolo Ercolani.

Il percorso si conclude poi il 29 luglio a Cartoceto in Piazza Marconi, terrazza belvedere antistante il Teatro del Trionfo. Proprio al teatro, un tempo frantoio e deposito di olive, oggi luogo d’arte e spettacolo e prossimo polo d’innovazione artistica d’avanguardia sarà tributata l’intera serata. Oggi come ieri questo luogo è chiamato a connotare un territorio, a definirne nuove possibilità, identità e sviluppo. Sarà la chef Eva-Maria Walch dell’Osteria del Cardinale, con la collaborazione del gastronomo e sommelier Otello Renzi ad articolare, portata dopo portata, il percorso enogastronomico. Durante la serata, lo spettacolo-musicale inedito “Sulle note della storia italiana… a partire da Teatro 10″, un viaggio nella storia della musica italiana a partire dallo storico programma Rai Teatro 10 che, guidato da Mina e Battisti, ospitò tutti i più grandi della musica italiana, portando la musica in teatro e il teatro in tv. Il progetto è costruito con la cantante Emilia Zamuner, vincitrice del Premio Internazionale Massimo Urbani nel 2016, Massimo Moriconi contrabbassista storico di Mina, Enrico Valanzuolo trombettista jazz partenopeo. Ad approfondire il percorso il talk con il Direttore di Amat Gilberto Santini che indagherà il teatro come luogo di cultura, socialità, innovazione, identità e sviluppo di un territorio.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS