Tirreno-Adriatico, Lutsenko padrone di Fossombrone

Alexey Lutsenko (Astana) vincitore della tappa di Fossombrone

CICLISMO – Show del corridore dell’Astana in terra marchigiana: scatta al Gpm, cade due volte e vince lo sprint finale. Domani arrivo a Recanati

E’ Alexey Lutsenko ad alzare le braccia al cielo sul traguardo di Fossombrone, capolinea della quarta tappa della Tirreno-Adriatico partita da Foligno e arrivata dopo 221 chilometri in territorio marchigiano. Il corridore kazako dell’Astana si è imposto in 5h16’29”, scattando sul Gran premio della montagna a Monteguiduccio, a una quarantina di chilometri dall’arrivo, per poi guadagnare fino a 1′ di vantaggio sui rivali. Nella prima discesa verso Fossombrone è cominciato il suo show a cielo aperto: ha sbagliato una curva, ma è riuscito a rimanere in sella, appoggiandosi con la spalla su un terrapieno, quindi è ripartito. Nel finale, quando lo sloveno Primoz Roglic, il britannico Simon Yates e il danese Jakob Fuglsang stavano per riacciuffarlo, ha sbagliato un’altra curva, ma anche in questo caso è riuscito rimettersi in sella. Dopo essere stato raggiunto, non si è perso d’animo, trovando la forza e le gambe per battere i rivali in uno sprint ristretto. Secondo sul traguardo Roglic, terzo Yates, quarto Fuglsang. Nella generale Yates è ancora leader in maglia azzurra.

Domani la corsa ripartirà da Colli del Metauro, destinazione Recanati a completamento di 180 chilometri tutti da vivere. La Tirreno-Adriatico entra nel vivo proprio nel territorio marchigiano con la cosiddetta tappa dei muri e il caratteristico arrivo nel centro cittadino sotto gli occhi attenti di Giacomo Leopardi.

Dalla Home


Altre News

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia