Tirreno-Adriatico 2024, saranno due le tappe nelle Marche

Sassoferrato-Cagli con arrivo sul Monte Petrano e finale a San Benedetto del Tronto

Una cronometro individuale a Lido di Camaiore come antipasto, tre tappe per velocisti, due per finisseurs e un arrivo in salita. E’ questo il menù della 59ª edizione della Tirreno-Adriatico Crédit Agricole in programma dal 4 al 10 marzo 2024. La Corsa dei Due Mari toccherà, nel suo viaggio di 1115 km, quattro regioni del Centro Italia partendo dalla Toscana e passando per Umbria e Abruzzo prima di concludersi, come da tradizione, nelle Marche. Presentazione in grande stile al Teatro Concordia di San Benedetto del Tronto, città dove da 58 edizioni termina la Tirreno-Adriatico. L’altra tappa che vedrà protagonista la nostra regione è la Sassoferrato-Cagli con arrivo sul Monte Petrano.

“La Tirreno-Adriatico – dice il responsabile ciclismo Rcs Sport Mauro Vegni – quest’anno aumenta le difficoltà fino ad arrivare alla tappa finale con la passerella finale a San Benedetto. Una manifestazione che ha una grandissima ricaduta a livello promozionale per l’Italia centrale. 47 paesi collegati, Tremila ore di diffusione nel mondo, una importante copertura mediatica. Solo in Italia è prevista un’audience di 11 milioni di spettaotri con tremila ore di diffusione nel mondo e 230 inviati accreditati. Senza contare gli oltri dieci milioni  di visualizzazione sui sociale attraverso internet con una ricaduta di cinque milioni di utenti”.

Senza dimenticare che alla 59esima edizione della Tirreno-Adriatico parteciperà il gotha del ciclismo nazionale ed internazionale. A partire da Filippo Ganna e dall’abruzzese Giulio Ciccone per arrivare a Mathieu van der Poel, Wout Van Aert, Tao Geoghegan Hart, Andrew Hingley e tanti altri ancora. Al direttore corsa della Tirreno-Adriatico Stefano Allocchio il compito di presentare la Corsa dei Due Mari. “Si parte – afferma – con una prova contro il tempo, su un percorso che negli ultimi due anni ha visto trionfare Filippo Ganna, per chiudere con una frazione per le ruote veloci a San Benedetto del Tronto. Nel mezzo abbiamo due tappe per velocisti, due di media montagna e un arrivo in salita a Monte Petrano, 10 km di ascesa con una pendenza media dell’8%. La lotta per la Maglia Azzurra sarà combattuta come ogni anno e siamo certi che a vincere, come di consueto, sarà un corridore completo”.

Presente al Teatro Concordia di San Benedetto anche il c.t. azzurro Daniele Bennati. “Anche quest’anno – dice – si prospetta un’edizione avvincente, dal punto di vista tecnico sarà importante valutare le gesta dei corridori su ogni tipologia di tracciato. Mi auguro da Commissario Tecnico della nostra Nazionale di veder primeggiare e dare spettacolo i corridori italiani così da avere delle indicazioni importanti per poi quelle che saranno le competizioni internazionali del 2024 come Olimpiade e Mondiale. Il percorso mi piace molto, è ben bilanciato e sono certo che vivremo una grande settimana di ciclismo”.

La chiusura è d’obbligo con il sindaco di San Benedetto del Tronto Antonio Spazzafumo. “In 58 edizioni, la nostra città è la sede della tappa finale. Questa corsa è per noi molto importante in quanto è un veicolo di promozione del nostro territorio e siamo felici di avere anche nel 2024 la tappa conclusiva con il circuito che attraversa le nostre strade prima dell’arrivo sul lungomare. Siamo estremamente contenti di continuare questo importante rapporto con il ciclismo”.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS