Test drive per i tamponi e nuovi reparti per l’emergenza Covid all’ospedale geriatrico

La situazione all’Inrca di Ancona

I numeri in risalita della pandemia legata al Covid19 (leggi) ha fatto scattare l’allarme anche alla direzione sanitaria dell’Inrca, ospedale che si trova ad Ancona in via della Montagnola. Due reparti nel giro di pochi giorni verranno riconvertiti a reparti Covid19. Tali reparti al momento si trovano nell’ex medicina geriatrica anche se uno di questi già da tempo era stato riconvertito a centro di accoglienza per sospetti Covid19.

 

 

L’ospedale del geriatrico ha provveduto anche al montaggio di una tensostruttura dove verranno eseguiti dei tamponi. La zona è quella che si trova proprio di fronte al reparto di emodialisi con l’attività dei tamponi che non andrà ad interferire come fascia oraria con l’arrivo delle ambulanze dirette proprio al reparto di emodialisi.

La tensostruttura, in un primo momento, sarà chiamata ad effettuare tamponi a quei pazienti in attesa di essere ricoverati per interventi chirurgici programmati da tempo o per determinate terapie che richiedono la degenza ospedaliera. Non si esclude che il servizio dei tamponi venga esteso anche a pazienti esterni alla struttura del geriatrico.

Novità in arrivo anche per quello che riguarda l’accesso al polo ospedaliero con i visitatori ma anche i pazienti che a breve dovranno transitare in una sorta di prefabbricato coibentato al cui interno sarà operativo uno scanner per la rilevazione della temperatura. La direzione sanitaria ha poi deciso di blindare alcuni reparti sospendendo le visite ai parenti, così come sono iniziate delle dimissioni anticipate come avvenuto in mattinata nel reparto di riabilitazione motoria.