Terremoto Marche: 40 classi in deroga per il cratere

L’incontro di questa mattina ad Ancona. Sottosegretario Sasso: “Serve intervento normativo immediato”

Per la “copertura” delle classi di scuola nel ‘cratere’ sismico marchigiano “oltre a questa disponibilità quasi ai limiti delle possibilità e competenze da parte dell’Ufficio scolastico regionale, bisogna fare anche un intervento normativo che deve avere tempi immediati”. Così il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso ad Ancona sulla questione delle classi nelle zona terremotate, in particolare delle Marche, a margine di un incontro con il presidente della Regione Francesco Acquaroli, con l’assessore all’Istruzione Giorgia Latini e il dirigente Usr Marco Ugo Filisetti.

 

Nel pomeriggio il sottosegretario incontrerà i sindaci del cratere ad Ascoli. Intanto sono stati assegnate “40 classi in deroga“, ha ricordato, ma serve in sostanza una soluzione ‘strutturale’.
“D’accordo con ufficio legislativo delle Marche e l’ufficio legislativo del ministero dell’Istruzione, per tramite dell’assessore, – ha detto Sasso – stiamo studiando un emendamento che possa essere inserito nei decreti di prossima discussione affinché si dia una copertura”. La volontà è “trovare una soluzione perché l’appello dei sindaci non rimanga inascoltato. C’è buona sintesi con l’Usr e speriamo di poter dare nell’immediato le soluzioni: ci sono già 40 classi in deroga e vi assicuro che vedere scuole con 5 classi, tra prima e quinta elementare con un numero complessivo di 30 unità è già tanto. Non è un problema solo delle Marche: capisco l’esigenza della famiglia che vuole rientrare ma non si possono fare prime classi con quattro alunni, dobbiamo trovare il modo anche con la solidarietà dei Comuni”.

Il dirigente Usr Marco Ugo Filisetti

“La media di alunni per classe nel cratere – ha riferito Filisetti – è decisamente più bassa rispetto al resto della regione, 11-12 rispetto alla media di 20, questo proprio per favorire la ripresa di questi territori. Abbiamo messo a disposizione nel cratere mille posti studente in più alla Primaria, – ha aggiunto – mille posti studente in più all’Infanzia e 500 alle scuole medie per consentire l’eventuale rientro le scuole hanno a disposizione una serie di posti liberi per poter accettare il ritorno di nostri studenti.
Dallo scorso anno scolastico a quello di quest’anno il numero di studenti nel cratere si è ridotto di circa 820 unità ma il numero delle classi è rimasto pressoché invariato.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi