Terremoto a Norcia, Ingv conferma: “Si tratta di aftershocks”

“Quest’area mostra tuttora un’attività sismica significativa e il livello di energia sismica rilasciata rimane superiore a quello che caratterizzava la fase temporale precedente all’inizio della sequenza”

Fino alla serata di oggi localizzate circa 100 scosse dalla Rete Sismica Nazionale dell’Ingv nella stessa area di Norcia dove si è verificato il sisma di magnitudo 4.1 alle 2.02 della notte passata.

“La gran parte di questi eventi – riferisce l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia nell’aggiornamento diffuso nel pomeriggio – hanno avuto una magnitudo al di sotto di 2.0. Solo 2 hanno raggiunto una magnitudo uguale o maggiore di 3.0, alle ore 02:04 (Ml 3.2) e alle ore 02:17 (Ml 3.0); altre 4 hanno avuto una magnitudo compresa tra 2.0 e 2.8”. L’Ingv sottolinea inoltre che sebbene siano ormai trascorsi più di 3 anni, dal 24 agosto 2016, e più di un anno dall’ultimo evento di magnitudo maggiore di 4.0, (il terremoto Mw 4.6 del 10 aprile 2018, localizzato 2 km a sudovest di Muccia, in provincia di Macerata) “quest’area mostra tuttora un’attività sismica significativa e il livello di energia sismica rilasciata rimane superiore a quello che caratterizzava la fase temporale precedente all’inizio della sequenza”.

Franco Cameli
Author: Franco Cameli

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS