Terranuova Traiana fa scouting all’Atletico Ascoli: “Individualità da Serie C”

Terranuova Traiana

PLAYOFF ECCELLENZA – In vista dell’andata (domenica 29 alle ore 16:00) il tecnico toscano Calori parla di ciò che ha visto contro la Jesina

Pochi giorni alla gara d’andata nella semifinale nazionale dei playoff di Eccellenza per accedere in Serie D. L’Atletico Ascoli, battendo il Colli prima e la Jesina poi, ha staccato il biglietto per  giocarsi gli ultimi turni. La prima avversaria nel doppio confronto sarà il Terranuova Traiana (andata domenica 29 maggio ore 16:00 in Toscana, ritorno domenica 5 giugno) che però non ha perso tempo.

Il tecnico Simone Calori e il direttore sportivo Donello Resti hanno già visionato la squadra ascolana. I due erano in tribuna durante la finale regionale tra Atletico Ascoli e Jesina, segnando sul taccuino punti deboli e punti di forza della compagine di Giandomenico. “Abbiamo fatto un campionato eccezionale – ci dice proprio il tecnico Calori – un girone di ritorno in calo al livello di punti e prestazioni, vero, forse anche per diversi infortuni importanti come la rottura del ginocchio del nostro attaccante Betti. Però tutto sommato è stato straordinario, i giovani ad esempio sono cresciuti tantissimo e in tranquillità”.

In Toscana la situazione Eccellenza non è stata affatto come il campionato marchigiano. Tre gironi da 12 squadre e il Terranuova, inserita in quello C, ha terminato la regular season più di un mese fa (16 aprile), chiudendo seconda a 38 punti dietro l’inarrivabile Figline (50). Poi gara playoff interna al girone e triangolare con gli altri gironi terminato il 15 maggio. In pratica, mezzo mese senza partite per la squadra biancorossa, ecco il perché lo staff ha pensato anche ad una sorta di mini preparazione: “La nuova mini preparazione atletica in realtà è fatta più in termini mentali. Fisicamente non è facile allenarsi mentre gli altri continuano a giocare. Aspettare non mi è mai piaciuto, così come i turni di riposo. Sicuramente sarà uno svantaggio avere una domenica di sosta“.

Ma torniamo a Castel Di Lama, a quella sfida contro la Jesina e delle impressioni che mister Calori ha avuto della truppa bianconera: “Bellissimo ambiente, difficile da vedere in Eccellenza per la cornice di pubblico. Inutile girarci intorno, l’Atletico Ascoli impressiona per le individualità che forse neanche in Serie C si vedono così nette, senza fare nomi e cognomi. La squadra sembra avere tutto per arrivare fino in fondo. Noi ce la giochiamo e ce la metteremo tutta. Una volta arrivati a questo punto, inutile negare, il sogno c’è: abbiamo i mezzi per giocarcela grazie soprattutto alle società che a questo punto contano molto tra trasferte lontane, pagare un mese in più di stipendio e cose così. Sembrano cavolate ma non lo sono. Abbiamo i mezzi per sognare – conclude il tecnico del Terranuova – ce la giocheremo anche perché loro giocano a calcio e questo a noi piace. Vincere è fondamentale e primario, certo, ma resta sempre bello vedere partite giocate a viso aperto”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana