Tentò di adescare un ragazzino giocando a Fortnite: denunciato 31enne

L’uomo aveva fatto credere al 15 enne di essere un poliziotto

Lo scorso aprile, una mamma di 43 anni di Macerata si è recata in Questura insieme al figlio 15enne, preoccupata per quanto stava accadendo al ragazzo, probabilmente vittima di un tentativo di adescamento in rete da parte di un finto poliziotto.

La disavventura era iniziata da qualche tempo quando il figlio Paolo (nome di fantasia) giocando alla Play Station con il famoso gioco “Fortnite”, tanto in voga tra i giovani, era entrato in contatto con un uomo che si era presentato come un poliziotto di 31 anni. Il finto agente aveva iniziato a parlare con il ragazzo, fino al punto di regalargli delle ricariche telefoniche e un paio di scarpe sportive. La mamma, avendo il sospetto che potesse trattare di un tentativo di adescamento, prima ha contattato telefonicamente l’uomo invitandolo a smettere poi ha deciso di recarsi in Questura per denunciare l’accaduto: dopo la chiamata ricevuta dalla madre, infatti, il finto poliziotto è passato ad insulti e minacce contro il figlio se non avesse riallacciato il rapporto di gioco.

Le immediate indagini scattate da parte dei poliziotti dell’ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, hanno consentito di identificare l’uomo: si tratta di un 31enne, residente fuori regione con precedenti penali per furto e rapina; sicuramente non è un agente della Polizia di Stato, come da lui stesso affermato per acquistare la fiducia del ragazzo. L’uomo è stato segnalato alla Procura della Repubblica.

Sono in corso ulteriori indagini per verificare se ci possano essere altre vittime, non potendo escludere che in altri casi i tentativi di adescamento possano aver originato situazioni più gravi per le vittime.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS