Tenta la fuga per eludere i controlli, 35enne inseguito e fermato in stazione

L’uomo, di origini ghanesi, era già noto alle forze dell’ordine

La Polizia Ferroviaria di Ancona ha denunciato un 35enne ghanese per i reati di violenza, resistenza, minaccia a Pubblico Ufficiale e rifiuto di dare indicazioni sulla propria identità personale.
Nella mattinata odierna in occasione dei predisposti servizi di vigilanza in ambito ferroviario “Alto Impatto”, un giovane ganese, seduto sugli scalini del sottopassaggio della stazione ferroviaria che conduce al binario 11, all’invito degli operatori della Polizia Ferroviaria di Ancona di liberare il passaggio e sedersi su di una panchina, ha iniziato ad inveire contro gli agenti ed alla richiesta di questi di fornire le proprie generalità ha tentato di sottrarsi al controllo mostrando un atteggiamento aggressivo e violento nei loro confronti, dandosi alla fuga.

Prontamente inseguito e fermato, è stato accompagnato presso gli Uffici Polfer e denunciato per i reati di violenza, resistenza minaccia a Pubblico Ufficiale, rifiuto di fornire le generalità. Dopo accurate indagini, si è scoperto che il ghanese aveva numerosi precedenti per i reati contro la persona ed il patrimonio e scarcerato il 27 luglio dalla Casa Circondariale di Foggia.

Allo stesso sono state applicate le sanzioni ai sensi degli artt. 19 terzo comma, 20 e 21 del D.P.R. 753/80 (Regolamento Polizia Ferroviaria), rispettivamente per essersi introdotto in area ferroviaria interdetta ai viaggiatori senza giustificato motivo, per essere entrato in stazione privo di titolo di viaggio e per aver attraversato i binari, per un totale di 549,34 euro.