“Tardivi i no dei sindaci alle discariche, i cittadini meritano la verità”

La candidata al consiglio regionale Maika Gabellieri (Lega) continua il botta e risposta con i primi cittadini di Recanati e Montefano

“Il rischio che le città di Recanati e Montefano finiscano per ospitare un nuovo sito di deposito dei rifiuti è concreto. Lo dimostrano le attività dei cittadini che stanno dando battaglia come possono”. Inizia così la nota di Maika Gabellieri, candidata alle Regionali per la Lega, che ha preso a cuore la situazione discariche.

 

“Con la decisione presa nel corso dell’assemblea territoriale il 26 giugno scorso, le comunità hanno appreso dell’approvazione del Piano d’Ambito ATO 3 Macerata: vengono individuate nel territorio di Recanati e Montefano due aree con grado di categoria 1, cioè i più ottimali, sette con grado 2, quattro con grado 3. Uno scenario preoccupante già segnalato dal Comitato NO discarica del territorio Recanati/Montefano e che smentisce le parole dei due sindaci“.
Va ricordato che questi, Antonio Bravi ed Angela Barbieri, avevano pochi giorni fa smentito categoricamente il fatto che fosse già stata scelta la location dei siti.

 

“La battaglia per la salvaguardia dei nostri territori è ancora aperta – ha continuato Gabellieri – tuttavia l’attuale contrarietà al progetto espressa dai sindaci di Recanati e Montefano cozza con le scelte compiute precedentemente dalle amministrazioni di sinistra che hanno approvato a più riprese l’iter. I voti contrari di oggi non cancellano queste responsabilità. La programmazione del Piano Regionale dei rifiuti ricade su tutti e non si risolve spostando una discarica da un comune all’altro alimentando la guerra tra cittadini, ma con un diverso modo di pensare alla gestione del problema”.