Stallone riparte con entusiasmo dal Colli: “Ritrovo giocatori con cui ho condiviso storie di vita calcistica”

Nico Stallone (nuovo allenatore Colli) e il presidente Giovanni Fioravanti

ECCELLENZA – Il nuovo tecnico rossazzurro: “Qui per migliorare la scorsa stagione e valorizzare il settore giovanile”. Presidente Fioravanti: “Un anno insieme dovevamo farlo ed è arrivato il momento”

Pomeriggio di presentazione per il nuovo tecnico Nico Stallone che timbra ufficialmente il post Amadio nell’Azzurra Colli. In una sala stampa del “Colle Vaccaro” gremita dai dirigenti e staff della società, brindisi benaugurante e prime strette di mano per il tecnico, dopo quella decisiva con il presidente Giovanni Fioravanti: “Innanzitutto ci tengo davvero a ringraziare Peppino Amadio per quello che ha fatto con noi e che abbiamo fatto insieme. Grazie perché sono stati anni di crescita reciproci. Nico lo sa, qui puntiamo sempre a crescere a piccoli passi – commenta proprio Fioravanti – il nostro obiettivo è mantenere la categoria, far crescere i nostri giovani e divertirci. Sì, abbiamo parlato con diversi allenatori ma con Stallone spesso ci siamo detti ‘un anno insieme dobbiamo farlo’ ed ora è arrivato il momento”.

Stra felice anche lo stesso Stallone: “L’Azzurra Colli sta dimostrando con i fatti che è una società seria, oggi ho conosciuto una dirigenza piena di passione. Inutile dire il contrario, è la rivelazione di questa Eccellenza. Non ho un modulo preferito rispetto ad altri, non credo ne esista uno vincente o meno. I giocatori che, insieme alla società, convinceremo a venire mostreranno le loro caratteristiche con cui arriverà il modulo. Sicuro sono propositivo, credo nell’impatto emotivo, i giocatori si devono divertire. Cosa mi ha affascinato del Colli? La conferma di giocatori con cui ho condiviso storie di vita calcistica. Questo ha fatto tanto. Sosi ed altri sono fondamentali anche per quello che abbiamo creato extra campo. Troppi impegni? Ci sono persone che alle 19 vanno al bar o a giocare a padel, io ho la passione del calcio e vado ad allenare. Nel campo mi sento a casa mia. Ho tanti impegni ma alla fine questo sarà il mio momento di passione. Ringrazio il sindaco di Colli per la sua presenza perché non avviene in tutte le società sportive, questa vicinanza non è un caso. Il Colli mi ha chiesto una valorizzazione del settore giovanile e migliorare la scorsa stagione. Ma non si tratta di punti soltanto, miglioriamo e basta”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia