“Spontini Days” per celebrare i 250 anni della nascita del compositore

Dal 21 luglio al 18 settembre

L’opera e la memoria di Gaspare Spontini, il musicista che, partendo da Maiolati Spontini, divenne compositore di imperatori e re, a Parigi con Napoleone e a Berlino con Federico Guglielmo III di Prussia, attraversano i cartelloni 2024 del Pergolesi Spontini Festival e della Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi, nell’anno in cui si celebra il 250enario della nascita.

Un lungo omaggio, che affiorerà nel Festival tra luglio e settembre con gli Spontini Days nella città natale di Maiolati Spontini, occasione per una rilettura contemporanea di arie dal Fernand Cortez, e per una caccia al tesoro musicale per bambini tra enigmi e indizi spontiniani, e ad Ancona con il Concerto Spirituale dedicato ai più fragili a settembre.

Nell’ambito del cartellone lirico autunnale del Teatro Pergolesi due su quattro titoli d’opera saranno di Gaspare Spontini: il capolavoro La Vestale (1807), e la prima esecuzione in epoca moderna dell’opera I Quadri Parlanti (1800), uno dei quattro manoscritti autografi ritrovati nel 2016 nella Biblioteca del Castello d’Ursel in Hingene (Belgio).

Spontini ma non solo. Il Festival Pergolesi Spontini, che giunge quest’anno alla 24esima edizione, celebra anche il genio del compositore jesino Giovanni Battista Pergolesi con una eccezionale scoperta musicologica: in prima mondiale, il 6 settembre al Teatro Pergolesi di Jesi (AN), saranno eseguite dall’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone una nuova Sinfonia e cinque arie inedite tratte dalle versioni del 1732 e 1734 de Lo frate ‘nnamorato, frutto di due fortunati ritrovamenti confluiti nella recente pubblicazione dell’edizione critica a cura di Eleonora Di Cintio nell’Edizione Nazionale delle Opere di Pergolesi. Un ritrovamento sul mercato antiquario si è rivelato essere l’unico manoscritto esistente al mondo (benché incompleto) della partitura che riproduce fedelmente la versione originale dell’opera, quella del 1732. Viene invece dalla Biblioteca Diocesana di Münster un gruppo di partiture manoscritte proveniente dalla collezione dell’abate romano Fortunato Santini (1777-1861), sopravvissuta in parte all’alluvione che nel 1946 colpì la città tedesca; queste partiture, sino a questo momento sconosciute, tramandano quasi tutte le arie rifatte da Pergolesi per la seconda versione dell’opera (1734).

Khatia Jikidze

Si inizia infatti domenica 21 luglio con una nuova produzione del Festival, il concertoRethinking Fernand Cortez”: celebri arie del maestoso capolavoro francese di Spontini del 1809 dedicato alla conquista del Messico, dialogheranno con nuove composizioni, o meglio parafrasi, appositamente commissionate dalla Fondazione a giovani compositori del Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro. Quattro promettenti talenti in erba – Elia Palazzi, Emanuele Vitale, Davide Moretti e Michael Fioretti – hanno dunque lungamente lavorato su tre balli della celebre opera spontiniana e su un quadro del I atto al fine di darne una rilettura contemporanea, dimostrando così che anche un festival dedicato ad un grande del passato può trovare un modo originale e diverso per entrare in dialogo con la contemporaneità, scelta quanto mai felice e in linea con il trend di grandi istituzioni come il Metropolitan di New York, sempre più consapevoli che solo la musica di oggi possa favorire un ricambio generazionale del pubblico.

Sia gli originali spontiniani sia le riletture di oggi saranno eseguite nella versione per piano solo da Andrea Mariani e Carlo Morganti e verranno affidate al giovane cast composto dal soprano Khatia Jikidze e dai tenori Wooseok Choi e Alessandro Fiocchetti dell’Accademia d’Arte Lirica di Osimo.

L’indomani, 22 luglio, nel centro storico del borgo, l’appuntamento è con “Il giovane Spontini. Caccia al tesoro musicale” in cui i bambini, divisi in squadre, si sfideranno scoprendo, a poco a poco, la musica e la storia di Gaspare Spontini. Questo appuntamento, ideato e condotto ormai da quattro anni da Pietro Piva (autore e attore) sia per Spontini sia per Pergolesi, coinvolge circa 40 bambini l’anno, le istituzioni musicali e le famiglie del territorio, trasformando l’apprendimento in un nuovo format di musica-gioco sfidante e competitivo, esempio virtuoso di un’attenzione ai più piccoli che cerca sempre nuove strade senza mai arrendersi di fronte alle difficoltà dell’impresa.

I due eventi si avvalgono della collaborazione del Comune di Maiolati Spontini e del contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS