Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Sperotto superlativo, Gemello non dà sicurezza: Persia protagonista a sorpresa

/
img
La Fermana strappa applausi ai propri tifosi giunti al Braglia

PAGELLE FERMANA – Primi benefici della cura Antonioli: D’Angelo mixa qualità a sacrificio, Comotto miracoleggia e salva il risultato

di Lorenzo Attorresi

Gemello 5.5: se una volta non ci arrivi è un caso, se la seconda volta la sfiori e va dentro è sfiga, se però non la pari mai bisogna iniziare a farsi delle lecite domande. Stavolta il tiro di Pezzella non sembra un’opera d’arte ma Gemello lo ammira entrare nella sua rete. Non crolla psicologicamente e va a intercettare un tiro di Rossetti, macchinoso però nella conclusione.

Iotti 6.5: Destro gli trovava un posticino sempre e comunque, anche perché Ilario era costantemente uno dei migliori. Anche Antonioli non ci rinuncia e Iotti gli mostra che sa contemporaneamente difendere e crossare.

Bellini (72’) 6: quando in estate si è fatto male l’under De Pascalis, la soluzione era molto semplice: far giocare Bellini da terzino destro, e l’ex della sfida lo dimostra (a Destro che magari l’ha guardato in tv) facendo un quarto d’ora molto buono.

Comotto 6.5: si butta in scivolata e miracoleggia su Varutti. Quando il calcio è episodico: ci aveva provato con Cernigoi della Samb e Baraye del Padova, e in entrambi i casi i tiri che aveva letto bene gli erano passati sfortunatamente sotto la gamba.

Scrosta 6.5: di…”culo” quando stoppa un tiro a botta sicura di Rossetti a 10’ dalla fine. Sarà poco elegante scriverlo, ma è accaduto davvero.

Sperotto 7: che in campo i calciatori si picchiassero pure, se poi sfornano prestazioni come hanno fatto Sperotto e D’Angelo, coloro che con l’Imolese si era beccati. Una delle migliori partite del biellese da quando veste la maglia della Fermana.

Urbinati 6: scudiero di Destro, ricomincia sulla stessa lunghezza d’onda con Antonioli. Mediano a due è il ruolo che adesso gli calza a pennello

Persia 7: con l’Imolese non è che avesse entusiasmato, anzi. Non proprio regista, non proprio incontrista, ibrido a due ci può stare e lo dimostra. Sicuramente non è un saltatore eppure fa gol.

Liguori 6: in attesa del miglior Petrucci, l’esterno tascabile mostra che la fascia destra è in buone mani anche se stavolta manca l’acuto.

Rolfini (80’) sv.

D’Angelo 7: non sai se prendertela con lui per il volo… D’Angelo con cui non arriva d’un soffio su un cross in area piccola, poi però lo vedi fare una chiusura di testa nella sua area di rigore ad una manciata di minuti dal termine. Qualità misto sacrificio. La notizia più bella è che fisicamente sta bene.

Bacio Terracino 6: quel tiro avrebbe meritato miglior sorte, peccato perché a volte fa troppi tocchi ma è il Bacio di inizio stagione ed è questo quello che conta dopo un infortunio e un rosso diretto con annesse due giornate di squalifica.

Petrucci (72’) sv: gli antibiotici lo hanno debilitato, così non ha più di uno scampolo di match nelle gambe.

Maistrello 6.5: Antonioli lo ha allenato a Ravenna e sa come servirlo. Tommy combatte per il suo vecchio/nuovo mister giocando una bella partita e andando al tiro tantissime volte.

Cognigni (88’) sv

All. Antonioli 7: fa già stringere il cuore che Mauro porga la mano a tutti i calciatori che escono. Destro in cinque anni non l’aveva fatto nemmeno mezza volta. Umanamente diverso, come impostazione tecnica pure.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar
error: Contenuto protetto !!