“Spazzafumo pensa a nuovo ospedale fuori San Benedetto?”, FdI chiede ritiro mozione

“L’atto della maggioranza utile solo a generare confusione. Meglio rinviare la discussione in Consiglio”

Il consesso civico di San Benedetto del Tronto, sabato 12 febbraio sarà chiamato ad approvare una mozione sul nuovo ospedale in Riviera. Il coordinatore di Fratelli d’Italia Luigi Cava, il capogruppo Andrea Traini e il consigliere Nicolò Bagalini reputano l’atto poco chiaro. E invitano la maggioranza a rinviare il dibattimento in aula.

L’incipit: “E’ sorprendente che dalla maggioranza giunga in Consiglio comunale la proposta di una mozione consiliare sulla sanità in cui vengono prefigurati siti alternativi a San Benedetto del Tronto per la realizzazione di un nuovo ospedale.
Nella mozione, infatti, si fa riferimento a un nuovo ospedale localizzato nel territorio di San Benedetto del Tronto o, se non possibile, nelle immediate vicinanze, ovvero in un Comune diverso. Se questo scenario poteva avere un senso negli anni scorsi, a seguito della modifica del piano socio-sanitario approvato dall’assemblea legislativa della Regione Marche in cui si fa esplicito riferimento alla realizzazione di un nuovo ospedale nel comune di San Benedetto del Tronto, annunciare ipotetici siti alternativi risulta davvero incomprensibile”.

Il Consiglio si è già pronunciato sulla location. “Ma che senso avrebbe chiamare il consiglio comunale di San Benedetto del Tronto ad approvare una mozione che contempla l’ipotesi di una localizzazione diversa quando già lo stesso si è pronunciato all’unanimità, nella precedente consiliatura, per la costruzione di un nuovo ospedale di primo livello?
Il sindaco Spazzafumo, che appare piuttosto frastornato dalle ripetute fibrillazioni interne di questi giorni, nella prima settimana di gennaio sostenne che avrebbe affrontato la questione di dove collocare il nuovo ospedale con il nuovo dirigente all’urbanistica aggiungendo le seguenti testuali parole: “Un paio di aree si troveranno sicuramente”.
Ora, che la faciloneria con la quale l’attuale sindaco affronta questioni vitali per la nostra città stia diventando un marchio di fabbrica della sua amministrazione, non è una novità, ma che addirittura vengano compromessi percorsi virtuosamente avviati alimentando tensioni perfino all’interno della sua coalizione, è davvero ingiustificabile.
Insensato protagonismo. “Nelle settimane precedenti si era parlato di un Consiglio comunale aperto sui temi di Sanità e Ospedale, perché allora dare spazio ad accelerazioni che sembrano più mirate al perseguimento di un insensato protagonismo piuttosto che utili al perseguimento del pubblico interesse?”.

Franco Cameli
Author: Franco Cameli

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS