Sospetta combine al Del Conero, nel mirino Ancona-Grosseto del 2010

L’indagine è ristretta a cinque persone

L’incubo del calcioscommesse continua ad attanagliare il capoluogo di regione. Per la Procura ci sarebbero state ulteriori irregolarità per quanto riguarda la sfida di serie B giocata al Del Conero il 30 aprile 2010 quando a far visita ai dorici fu il Grosseto. Stando alle accuse, la partita sarebbe stata comprata per circa 30mila euro destinati a ogni giocatore o dirigente immischiato nell’affare. Per la partita giocata quasi nove anni fa in casa dei biancorossi, e terminata 1-1 (alla rete di Gerardi al 39’ ha risposto a 4’ dal termine Pichlmann) è stato ipotizzato il reato di concorso in frode in competizioni sportive, prossimo alla prescrizione. Insomma, una vera e propria combine attuata da alcuni giocatori del Grosseto la notte prima della sfida contattando un calciatore dorico. Secondo la procura, la presunta frode sarebbe stata organizzata di comune accordo con alcuni dirigenti del Grosseto e con la complicità di altre persone non presenti nell’inchiesta anconetana. I destinatari dell’avviso di conclusione indagini sono Almir Gecic (ex centrocampista del Chiasso), Kewullai Conteh (ex difensore del Grosseto) Josè Joelson, Marco Turati e Andrea Iaconi. Quest’ultimo era dirigente del Grosseto all’epoca dei fatti. Turati, ex della squadra toscana e dell’Ancona, avrebbe partecipato alla combine assieme a Joelson incontrando il calciatore biancorosso il giorno prima del match. Nonostance ci si aspetti la richiesta di rinvio a giudizio per gli indagati, il procedimento penale sembra destinato a finire in prescrizione.

Alessandro Molinari
Author: Alessandro Molinari

Sono un amministratore

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS