SOS Museo sul Mare, Cocchiaro chiama da Los Angeles, Spazzafumo risponde: “Interverremo”

Piernicola Cocchiaro in videoconferenza

“Le opere al molo sud vivono in una specie di limbo”

Il Museo d’Arte sul Mare corre sugli scogli del molo sud di San Benedetto del Tronto: i massi sono stati scolpiti o dipinti da artisti di tutto il mondo, che da 25 anni a giugno si danno appuntamento sulla passeggiata in mezzo al mare per continuare le opere. Il Mam è stato ideato e organizzato dall’arch. Piernicola Cocchiaro, che da alcuni anni risiede ed insegna a Los Angeles. Cocchiaro nella mattinata dell’8 dicembre ha ricevuto dal sindaco Antonio Spazzafumo il Gran Pavese Rossoblù. Ma non era presente fisicamente a San Benedetto del Tronto. Durante la cerimonia, andata in scena nella sala consiliare, si è collegato in video conferenza e ha lanciato il grido d’allarme. Si è lamentato che il Mam è stato trascurato dalle passate amministrazioni e ha chiesto l’aiuto di Spazzafumo.

Ha detto Cocchiaro: “A San Benedetto non c’è un cartello stradale che indichi il Mam, eppure è inserito nei pacchetti di operatori turistici regionali. Il Presepe subacqueo è molto apprezzato da turisti, sambenedettesi e da registi che hanno girato film in Riviera, ma è tenuto in una sorta di limbo: nessuno sa cosa rappresentino le sculture sugli scogli nei pressi del Presepe. Nessuno sa cosa ci sia nell’acqua di fronte a quelle figure: c’è la Natività completamente coperta dalle alghe. Quel Presepe è un omaggio dell’autore alla marineria e le sculture sugli scogli rappresentano i personaggi della marineria, dal pescatore alla retara, al funaio alla madre con il bambino in braccio che aspetta il marito che torna dalla pesca”.

Ancora Cocchiaro: “Non è mai stato usato per il suo scopo iniziale, che era quello di farlo rivivere ogni anno nel periodo natalizio. Immaginate quanto sarebbe bello se fosse illuminato durante le festività, collocandovi una stella cometa. Quanto sarebbero contenti i marinai che tornando dalla pesca vedono questo Presepe illuminato e dedicato a loro. E’ una cosa che ho sempre sperato ma non ho visto realizzata. Ma oggi sono ottimista perché questo premio che mi avete dato rappresenta un cambio di passo, sono sicuro che questa amministrazione nella persona del sindaco Spazzafumo, che stimo e a cui ho dato grande fiducia, riuscirà a realizzare il Mam e il Presepe come entrambi meritano e a lanciarli a livello nazionale. Quando avrò pronto il progetto del 2022 lo presenterò all’amministrazione: sono rimasti una cinquantina di blocchi che vogliono essere scolpiti, anche per non sentirsi discriminati rispetto agli altri 184, che hanno avuto una vita più felice passando da materiale di scarto delle cave ad opere d’arte”.

La risposta di Spazzafumo: “Ti prometto che interverremo. Qui davanti a me ho gli assessori alla Cultura Lina Lazzari e ai Lavori pubblici Tonino Capriotti che ‘stalkerizzo’ ogni giorno. Prendiamo l’impegno solenne che quella passeggiata verrà illuminata dove è necessario, valorizzata e soprattutto, tramite la tecnologia, promuoveremo e spiegheremo tutto del Mam. Quando verrai per il Mam 2022 andremo a fare un passeggiata al molo sud per vedere come procedere”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana