Sigaretta in faccia al padre, calci e minacce ai Carabinieri: arrestato 34enne

Il giovane ha aggredito entrambi i genitori all’interno della loro abitazione a Gradara

Nella serata di ieri (6 luglio), i Carabinieri di Gabicce Mare sono stati chiamati ad intervenire a Gradara da un 34enne operaio del posto, che aveva chiesto il loro intervento a seguito di una lite con i genitori conviventi, due 60enni. Giunti sul posto hanno trovato il giovane in strada, completamente fuori di sè, che voleva mandare via i militari.

Gli uomini dell’Arma hanno ascoltato i genitori che hanno riferito cosa era successo poco prima: il figlio li aveva aggrediti sia verbalmente che fisicamente ed aveva messo a soqquadro la cucina, rompendo piatti e versando il cibo sul pavimento. Anche davanti ai militari, il 34enne ha cercato di aggredire i due 60enni, in particolare il padre, al quale voleva spegnere in faccia la sigaretta che stava fumando.

A quel punto i Carabinieri hanno provato a fermarlo; per tutta risposta l’operaio li ha aggrediti con calci, pugni, sputi in faccia e minacce. E’ stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e ha passato la notte nella camera di sicurezza della Caserma di Pesaro. Ieri mattina, in tribunale, l’arresto è stato convalidato e il 34enne, T.M. le sue iniziali, che ha già aveva commesso reati contro la persona, è stato condannato dal Giudice a otto mesi di reclusione con sospensione della pena. Rimesso in libertà è tornato a casa.

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi