Si mette a dormire sull’androne del condominio ma viene aggredito con violenti calci

Brutta esperienza per un uomo poi aiutato da una coppia di anconetani e dai City Angels

Viene preso a calci sul costato poi alla fine trova chi gli offre qualcosa da mettere sotto i denti. Vigilia di Pasqua sotto certi aspetti tutta da dimenticare per un somalo di 30 anni circa che non sapendo dove andare non ha trovato di meglio da fare che mettersi a dormire in un adrone di un condominio che si trova in via Montebello ad Ancona. Un luogo che già in passato aveva visto la presenza di alcuni bivacchi al punto tale che la scorsa settimana uno di questi disperati era arrivato al punto di suonare i campanelli di uno stabile per avere qualcosa da mangiare. Ma stavolta le cose sono andate in maniera differente al punto tale che una persona, forse un residente, ha raggiunto il somalo che stava dormendo avvolto in una coperta ed ha iniziato a prenderlo a calci sul costato.

Il giovane nonostante i dolori è riuscito a scappare per raggiungere la zona di corso Mazzini con in mano tutti i suoi avere ovvero la coperta di lana con cui difendersi dal freddo della notte. E con questa coperta si è avvolto ed ha cercato riparto nei pressi di un secondo androne di uno stabile a pochi metri da una abitazione. Attorno all’una di notte i proprietari dell’immobile nel momento in cui sono tornati a casa si sono ritrovati il somalo che di fatto gli impediva il passaggio. Ma il destino questa volta benevolo ha voluto si che queste persone avessero un contatto diretto con Patrizia Guerra, responsabile dei City Angels di Ancona che si è precipitata sul posto: “All’inizio questo ragazzo era particolarmente aggressivo anche per il fatto che poco prima era stato aggredito in via Montebello. Gli abbiamo fatto capire che eravamo li per dargli un a mano e che non doveva nutrire alcun timore. Si è seduto ci ha raccontato la sua storia nel frattempo i proprietari dell’appartamento sono saliti in casa e gli hanno portato qualcosa da mangiare. Faremo di tutto per aiutare questa persona che di certo non può rimanere in strada”.

Il problema dei senza fissa dimora nel capoluogo di regione sta diventando un vero e proprio incubo. Nelle ultime settimane si moltiplicano gli arrivi in città di questi poveri disperati che di fatto nonostante abbiano i documenti in regola non hanno un posto dove andare a dormire. La scorsa settimana era stato rimosso il bivacco alla spiaggia del Passetto ma a distanza di giorni il gruppo dei Pakistani è tornato a dormire in riva al mare come se nulla fosse nonostante alcune alternative date dal comune di Ancona compresi dei posti letti alla pensione Cantiani in via Lotto e a Falconara sempre in una struttura protetta.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS