“Sì al ripescaggio, Vecchiola angelo custode e Conti non è il capro espiatorio”

Tubaldi con il socio e amico Pippo Simoni

FERMANA – Il nuovo dg gialloblu Andrea Tubaldi si presenta

Ufficializzato sabato con una nota diffusa dalla società, Andrea Tubaldi è il nuovo direttore generale della Fermana. Recanatese classe ’72, assicuratore Generali Italia, Tubaldi ha rilasciato al Resto del Carlino le sue prime dichiarazioni da dirigente gialloblu.

“Da lunedì sarò operativo al 100%. Di certo credo ci sia da riorganizzare e ristrutturare la società – ha detto -. Possibile ripescaggio? I soci ci stanno lavorando e si stanno organizzando in sinergia con l’amministrazione comunale. Va da sé che bisogna attendere le tempistiche dei vari gradi dei ricorsi di Teramo e Campobasso, ma l’indirizzo è questo”.

Bisognerà rimetter mano in modo corposo alla gestione organizzativa ed economica del club, ma Tubaldi non ha paura. “Spero che le cose funzionino, ma non c’è da buttare tutto quello che è stato – ha continuato il neo dg – Ringrazio Fabio Massimo Conti per quello che ha fatto e mi dispiace se qualcuno pensa che sia il capro espiatorio, perché le colpe della passata stagione sono di tutti. Si è preso tante responsabilità e ci ha messo la faccia: a lui mi legano stima e amicizia. Adesso, è ovvio che prima di accettare l’incarico abbia avuto qualche colloquio, ma non so cosa troverò: tutto è ancora prematuro”.

Infine Tubaldi ha mandato un messaggio alla piazza. “Ringraziare Maurizio Vecchiola per quanto fatto in questi anni è doveroso, è stato l’angelo custode della Fermana. Così come l’amministrazione comunale. I soci infine sono persone serie che non faranno mai il passo più lungo della gamba, lavorando costantemente solo per il bene della Fermana”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia