“Sì ai parcheggi, no alle varianti”, il quartiere Sentina sale in cattedra

I componenti del direttivo del quartiere Sentina di Porto d'Ascoli

Il direttivo è entrato subito in azione per affrontare le criticità del territorio di competenza

Il comitato di quartiere Sentina di Porto d’Ascoli ha rinnovato il consiglio direttivo: presidente Valerio Isopi, vicepresidente Marco Alessandrini, tesoriere e segretaria Alessandra Mora. Fanno inoltre parte del direttivo i consiglieri Pasquale Isopi, Peppino Rossi, Giovanni Morganti e Gabriele Cruciani.

Il nuovo direttivo ringrazia i residenti “che con la partecipazione al voto del 4 e 5 giugno 2022 hanno dato fiducia ad ognuno dei consiglieri eletti i quali fin da ora saranno a disposizione di tutti i cittadini per collaborare insieme per  risolvere le criticità presenti nel territorio del quartiere attraverso segnalazioni e proposte che il comitato inoltrerà agli uffici competenti del Comune”.

Il programma: “Si proseguirà con gli obbiettivi portati avanti dal direttivo uscente come il no alle varianti urbanistiche, no al consumo del suolo, continueremo ad occuparci di decoro urbano, della cura delle aree verdi e della realizzazione nelle spiagge libere delle piste ciclabili, della manutenzione dei marciapiedi e delle strade presenti nel territorio e delle contrade nella Riserva Naturale Regionale Sentina”.

I parcheggi. “Altra necessità sarà quella di risolvere il problema della mancanza di parcheggi liberi nel quartiere soprattutto nel periodo estivo. Una  delle principali richieste alla nuova amministrazione comunale sarà quella di far approvare il progetto redatto dal settore lavori pubblici del Comune nel 2017 che prevedeva la realizzazione di un parcheggio libero di circa 60 posti auto in via del Cacciatore, nelle aree di sedime sotto la sopraelevata Ascoli -Mare attraverso un nuovo accordo con l’amministrazione provinciale di Ascoli proprietaria dell’area”.

Altri temi caldi del quartiere: “L’urbanistica, il traffico, pulizia e manutenzione del fosso collettore nonché delle altre numerose criticità presenti. Inoltre si cercherà di instaurare un confronto costante con tutte le associazioni i commercianti, gli imprenditori e le realtà presenti nel quartiere.
Una delle priorità sarà quella di occuparci del decoro urbano dei rifiuti delle piste ciclabili, di nuove panchine assenti in gran parte del territorio del quartiere infine cercheremo di realizzare un’informazione costante rivolta a tutti residenti, turisti e proprietari di seconde case da giugno a settembre sulle modalità di conferimento dei rifiuti”.

Il Comitato chiede al Comune un locale da adibire a sede, che funga da luogo di aggregazione in cui svolgere iniziative culturali e sociali nel quartiere. “Tale spazio – chiarisce il direttivo del quartiere Sentina – è già stato individuato in via San Francesco, una traversa di via dei Laureati, come da convenzioni sottoscritte negli anni 2009-2012 e 2016 con la società costruttrice degli immobili e il Comune di San Benedetto del Tronto, ma mai attuate fino ad oggi per controversie i tecniche e burocratiche riscontrate tra le due parti in causa.
Infine si invierà di nuovo all’attenzione del sindaco, degli assessori ai lavori pubblici, all’urbanistica, bilancio e patrimonio l’elenco delle necessità del quartiere Sentina già inoltrato il 15 novembre 2021 al protocollo del Comune con modifiche e integrazioni”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana