Settempeda, nel mirino la decima consecutiva: “Promozione corsa a due”

Nel girone C di Prima Categoria appassionante testa a testa con la Vigor Montecosaro, con scontro diretto a inizio aprile in trasferta. Parla pres Crescenzi

Non ha conosciuto ancora mai la parola sconfitta nel nuovo anno la Settempeda che sabato scorso, sul campo del fanalino di coda Esanatoglia, ha inanellato in rimonta la nona vittoria consecutiva che ha permesso ai biancorossi di mantenere la leadership del campionato con tre lunghezze di vantaggio sulla prima inseguitrice Vigor Montecosaro, fermata in casa sul pareggio dalla Pinturetta Falcor. Numeri da incorniciare per il collettivo di Lorenzo Ciattaglia, che può vantare anche il secondo miglior attacco del campionato e la difesa meno battuta del girone con soli quattordici goal incassati in ventidue giornate. A fare il punto della situazione e a tracciare un bilancio in casa Settempeda c’è il presidente Marco Crescenzi che si ritiene soddisfatto del percorso fatto fin ora dalla sua squadra, che è in linea con le aspettative di inizio stagione che vedevano i biancorossi di San Severino Marche come la favorita numero uno alla vittoria finale.

“È stata un po’ una rincorsa perché siamo partiti bene ma non benissimo e strada facendo abbiamo sistemato le cose. Ora stiamo rientrando a pieno negli obiettivi e quindi sono soddisfatto del percorso che stiamo facendo”. Dopo una prima parte di stagione non brillantissima, la società biancorossa a inizio dicembre ha deciso di dare la cosiddetta scossa all’ambiente esonerando Massimo Ferranti e affidando la panchina a Lorenzo Ciattaglia e il cambio in panchina unito a un mercato mirato con gli arrivi di Mulinari, Cartechini e Wali, ha portato gli esiti sperati con i settempedani che nell’anno nuovo hanno trovato la giusta quadratura e amalgama, facendo un percorso netto che li ha visti sempre e solo vincere:” Sicuramente c’è stata questa evoluzione, ma è anche vero che rispetto allo scorso anno la squadra era completamente nuova e c’era anche un nuovo allenatore. Anche se il livello tecnico era buono, all’inizio abbiamo pagato lo scotto dell’amalgama del gruppo. Strada facendo siamo riusciti a mettere i tasselli al posto giusto grazie anche a qualche innesto nel mercato di dicembre. Ciattaglia è un mister di categoria superiore che ha portato la sua esperienza e ci ha aiutato molto”.

“Fatto salvo qualche Infortunio di troppo nell’ultimo periodo che ci ha privato degli ultimi acquisti del mercato invernale soprattutto di Cartechini e Wali, le cose stanno migliorando e speriamo che nell’immediato futuro riusciamo a recuperare tutti per dare un ulteriore slancio alla classifica”. Una tifoseria calorosa e di categorie superiori che non fa mancare mai ai propri beniamini il proprio supporto in ogni campo, risultando un vero e proprio valore aggiunto non da poco in questa categoria e un settore giovanile in grande crescita sono altri fattori e risorse importanti su cui la società biancorossa punta molto:” L’aspetto tifoseria è molto importantissimo perché abbiamo un gruppo nutrito di ragazzi encomiabili che ci seguono sempre e questo ci dà una grande spinta e stimola i ragazzi a fare bene. Per quanto riguarda il settore giovanile lo abbiamo tenuto sempre in grande considerazione, sia per un aspetto sociale per il paese di San Severino Marche, sia come alimentazione alla prima squadra. La situazione anche lì è molto positiva, anche se purtroppo la vicenda che ci ha colpito nel 2022 con quella brutta vicenda (ndr si riferisce a una vicenda spiacevole accaduta nel settore giovanile) ci ha un po’ penalizzato perché in quel momento il livello era ottimale, ma poi abbiamo avuto delle difficoltà che abbiamo ancora tutt’oggi, anche se stiamo cercando di superarle e risolverle nel minor tempo possibile. I numeri ci danno conforto perché comunque negli ultimi anni abbiamo avuto sempre più di duecento iscritti. Uno dei nostri obiettivi è proprio quello di organizzare al meglio il settore giovanile per crescere ancora”.

Dopo la vittoria sul campo dell’Esanatoglia, la mente in casa Settempeda è già rivolta al prossimo impegno che vedrà arrivare al Gualtiero Soverchia l‘Elite Tolentino, reduce da due vittorie consecutive:” Noi siamo consapevoli che ogni partita è difficile perché questo campionato, come risaputo negli ultimi anni, è molto difficile ed equilibrato. Le differenze vengono fuori nei piccoli dettagli. Non sottovaluteremo l’Elite come non abbiamo sottovalutato e non sottovaluteremo tutte le squadre che abbiamo affrontato e affronteremo. Anche sabato scorso contro l’Esanatoglia è stata una partita difficile perché, seppur la classifica dica che sia ultima, si è dimostrata una squadra organizzata, con giocatori importanti e un allenatore importante, con dietro una società importante. Quello con l’Eliite Tolentino è un derby molto sentito perché c’è rivalità tra le due piazze. Mi aspetto dai ragazzi l’impegno e la brillantezza mostrati sabato scorso, soprattutto nel secondo tempo, evitando magari nella partita dei momenti dove ci sediamo un po’ quindi mi aspetto una maggiore continuità nell’arco dei novanta minuti”. Quando mancano otto giornate alla fine del campionato, la Settempeda ha un margine di tre lunghezze di vantaggio sulla Vigor Montecosaro con lo scontro diretto del 7 aprile a Montecosaro che potrebbe rappresentare un crocevia decisivo per le sorti del campionato come osserva anche lo stesso numero uno della società di San Severino Marche.

“Nel calcio non si sa mai, ma sinceramente ad oggi non mi aspetto che qualche altra squadra rientri per la vittoria finale del campionato perché nonostante il San Claudio e il Montecassiano, che da neopromosse stanno facendo un grandissimo e nonostante il loro entusiasmo, i punti di distacco sono tanti per pensare a un inserimento per la lotta al vertice. Credo che si andrà avanti fino alla fine con questo testa a testa tra noi e la Vigor Montecosaro. Siamo focalizzati allo scontro diretto del 7 aprile che dirà molto per la vittoria finale del campionato”. Infine, per chiudere, Crescenzi spiega cosa rappresenterebbe l’eventuale vittoria del campionato per la città di San Severino, dando una sguardo anche al prossimo futuro:” Un eventuale raggiungimento dell’obiettivo sarebbe di grande importanza per la città di San Severino perché è una città che in passato è stata abituata a fare categorie superiori e quindi la Promozione qui è ritenuta la categoria dove stazionare e ritornaci dopo anni, dopo solo una breve parentesi di qualche anno fa sarebbe una grande soddisfazione per tutti. Per me da dirigente sarebbe il primo campionato di Promozione e raggiungerlo sarebbe una grande soddisfazione e un enorme traguardo a livello personale. Per quanto riguarda i piani futuri, molto dipenderà da come finirà questa stagione. Aspettiamo l’esito di questa stagione per disegnare il prossimo futuro, ma la speranza di tutti è che in caso del raggiungimento dell’obiettivo è quello di allestire una squadra che in Promozione possa dire la sua e rimanerci per diverso tempo”.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS