Sentenza Traini, Carancini: “Oggi un passaggio importante. Manca la condanna dei carnefici di Pamela”

Intanto l’avvocato Giulianelli preannuncia ricorso in appello

“La citta’ non gioisce per questa condanna. L’auspicio e’ che la comunita’ viva questo passaggio come un rafforzamento del percorso intrapreso per recuperare la serenita’ perduta”. Cosi’ il sindaco di Macerata, Romano Carancini, commenta alla Dire la sentenza a 12 anni di carcere inflitta a Luca Traini per la sparatoria contro i migranti dello scorso febbraio. Carancini oggi era presente alla lettura della sentenza relativa al procedimento giudiziario in cui il Comune di Macerata si e’ costituito parte civile. “Accogliamo la sentenza apprezzando che sia stata condannata una persona per un fatto di una gravita’ assoluta- spiega Carancini-. Non entriamo nel merito della sentenza e della pena inflitta. La citta’ non gioisce per questa sentenza. Ma spero che la comunita’ viva questo passaggio come un rafforzamento nel percorso per il recupero della serenita’ che in questi mesi stiamo portando avanti. Un percorso a cui manca la sentenza di condanna per i carnefici della povera Pamela. Ma quello di oggi e’ un passaggio importante. La citta’ non dimentica. Vogliamo ritrovare quel clima di serenita’ e tolleranza che contraddistingue la nostra comunita'”. 

“Ricorreremo sicuramente in appello”. Cosi’ Giancarlo Giulianelli l’avvocato di Luca Traini, condannato a 12 anni di reclusione per strage aggravata dall’odio razziale e porto abusivo d’arma, commenta la sentenza della Corte d’Assise di Macerata nei confronti del 29enne autore, lo scorso febbraio, della sparatoria contro i migranti. “La sentenza mi lascia l’amaro in bocca non solo per l’entita’ della pena ma per la ritenuta sussistenza di una fattispecie come quella della ‘strage’- spiega alla Dire l’avvocato Giulianelli-. Ritenevo che la pena potesse attestarsi intorno ai 10 anni. Traini? Il mio assistito non e’ rimasto molto sorpreso. Anche quando ha sentito le richieste del pubblico ministero che sono state confermate dalla sentenza non si e’ stupito piu’ di tanto”. Traini, che ha scelto il rito abbreviato, dovra’ scontare anche tre mesi di liberta’ vigilata e risarcire le parti civil

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS