Scuola, maestra a colleghi no vax: “State abbandonando i bambini”

645 classi in quarantena, raddoppio in una settimana

“La scuola è una comunità educante e per questo motivo è inaccettabile che gli insegnanti rifiutino il vaccino”. Lo scrive la maestra di scuola primaria Pina Cipolletta, insegnante all’Istituto scolastico ‘Rodari-Marconi’ di Porto Sant’Elpidio, in una lettera aperta.

“Nella mia scuola – spiega -, che fa della didattica laboratoriale, dell’apprendimento cooperativo e dell’intenzione pedagogica sempre dichiarata di voler esser una scuola inclusiva il suo punto di forza, diversi colleghi rifiutano il vaccino e con l’obbligo scattato dal 15 dicembre, diverse colleghe non sono al lavoro”. Con astensioni e permessi ci sono “classi che hanno perso le loro insegnanti, bambini diversamente abili, i più fragili, i più delicati, hanno perso le loro insegnanti”. La maestra Pina parla spesso della scuola intesa come comunità, suo compito dovrebbe essere “riconoscimento della competenza scientifica e del suo sapere oggettivo, riproducibile e sperimentabile. La scienza procede, per definizione, per ‘prove ed errori’, anche in questa emergenza sanitaria la comunità scientifica si è più volte contraddetta, ma è solo grazie ai vaccini che la mortalità è diminuita”.

E, ammonisce, “questo clima ascientifico si traduce in scredito del merito e delle competenze di chi ha passato una vita sopra ai libri prima di diventare medico, scienziato, virologo e non posso passarci sopra io, che non smusso i termini quando voglio far capire ai miei alunni il valore dell’impegno: studiare è pure questo, è pure fatica.

 

“Sono 645 attualmente le classi messe precauzionalmente in quarantena nelle Marche“, un numero più che doppio rispetto alla situazione di una settimana fa (313), su un totale di 10.464 classi complessive. Lo riferisce l’assessore regionale all’Istruzione Giorgia Latini a margine della seduta del Consiglio Regione. “Però – osserva – se pensiamo che nelle Marche abbiamo circa 10.500 classi ovviamente è una percentuale ancora bassa“.

“I dati che abbiamo sono ancora in crescita – ammette Latini – però la stragrande maggioranza della popolazione scolastica è in presenza ed è il risultato che c’interessa perché sappiamo che le misure che abbiamo messo in campo sono volte a far sì che i nostri studenti quest’anno svolgano il più possibile le lezioni in presenza. Sappiamo quanto sono stati penalizzati purtroppo dalla didattica a distanza: ce lo dicono le prove Invalsi, i medici in merito all’aumento dei casi di depressione e le problematiche di tipo caratteriale che insorgono nelle nuove generazioni e per le quali in questi due anni hanno influito in negativo. “Anche in questo momento critico della pandemia – afferma l’assessora – Dobbiamo andare avanti. Come Regione abbiamo messo in campo provvedimenti importanti, segnali per venire incontro ai ragazzi: screening fatti in vista della scuola per ragazzi delle Elementari Medie, e poi delle Superiori; il monitoraggio nelle scuole sentinella; investiti 12 mln euro sugli impianti di aerazione meccanica, prima regione che ha un’azione del genere”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia