Scuola e lavoro, nuove linee guida per i trasporti: assessore Castelli al Tavolo Regioni-Governo

“Condizioni chieste dalle autonomie regionali, possono ripartire i Tavoli di programmazione prefettizi”

Oggi l’assessore Guido Castelli ha partecipato al Tavolo Regioni – Governo per proseguire il confronto sulla programmazione dei servizi di trasporto in vista delle riaperture scolastiche e lavorative, alla presenza dei ministri Enrico Giovannini (infrastrutture e Mobilità) e Mariastella Gelmini (Affari regionali). In particolare si sono concertate le nuove linee guida per i trasporti che andranno a sostituire quelle allegate al Dpcm 2 marzo 2021 e che ora sono state sottoposte al Comitato tecnico scientifico per un parere finale, atteso per venerdì.

L’assessore Guido Castelli

“La definizione delle nuove regole era una delle condizioni chieste dalle Regioni per poter affrontare, con ragionevoli elementi di certezza, la programmazione dei servizi e il confronto con la scuola all’interno dei Tavoli prefettizi che continuano a essere il luogo del confronto e della programmazione – ha evidenziato Castelli – Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale si è confermata la capacità di carico dei mezzi all’80% della loro capienza massima, che non scongiurerà, comunque, la necessità di un importante sforzo, da parte degli operatori, per un potenziamento dei servizi, al fine di permettere una didattica totalmente in presenza, sia zona bianca che gialla. Si dovranno potenziare anche i controlli, per quanto riguarda i titoli di viaggio e la corretta attuazione delle linee guida di utilizzo dei mezzi di trasporto. È stato comunque chiarito che non sta parlando di un doppio operatore su ogni mezzo, come qualche lancio giornalistico aveva ipotizzato”.

A questo proposito l’assessore Castelli ha sottolineato la necessità di un chiarimento sulla copertura di tali oneri straordinari nell’ambito delle risorse statali destinati ai servizi aggiuntivi, raccogliendo rassicurazioni da parte del ministro Giovannini per un prossimo provvedimento normativo. “Possono ora ripartire, rapidamente, con maggiore chiarezza, i Tavoli prefettizi, sui quali occorrerà comunque trovare il giusto incontro tra domanda e offerta di trasporto, ovvero la corrispondente flessibilità per il differenziamento degli orari di apertura di attività economiche, servizi pubblici e delle scuole, soprattutto nel malaugurato caso di ritorno in zona arancione. – conclude Castelli – Il tema della differenziazione degli orari e della mobilità, è uno dei pilastri per la corretta gestione dei trasporti. Tema ribadito nelle nuove linee guida, nonché incardinato nei precedenti provvedimenti normativi, nei quali si trovano anche stanziamenti di fondi per imprese e scuole per predisporre piani spostamento casa-lavoro e casa-scuola”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi