Scrosta, sensazioni negative confermate: i tempi di recupero

Scrosta contende un pallone a Guberti

SERIE C – Lesione muscolare per il difensore della Fermana, almeno un mese di stop. Il ds Matteo Scala: “Supplementari forzati in Coppa Italia”

Scorie da Coppa Italia. Purtroppo le prime impressioni (leggi) sono state confermate dagli esami strumentali. Il difensore della Fermana Edoardo Scrosta ha riportato una lesione muscolare al retto femorale: almeno un mese di stop prima di rivederlo in campo. Significa che salterà le prime quattro partite, Viterbese, Gubbio, Aquila Montevarchi e Modena.

Grave tegola per mister Domizzi, alle prese con una difesa rabberciata e da ricostruire, considerando pure che Rossoni e Corinus – comunque tornati in gruppo proprio stamattina (martedì) – non hanno vissuto giorni semplici. L’unico sicuro del posto è Mordini a sinistra.

Sull’infortunio di Scrosta, si è tolto dei sassolini anche il ds della Fermana Matteo Scala, ricordando come il classe ’92 si sia fermato nei pressi del 120esimo minuto di gioco. “Una forzatura prevedere i supplementari nella fase iniziale della Coppa Italia Lega Pro che, pur essendo una competizione importante, è quasi come una amichevole considerando che ad agosto l’80% delle squadre della categoria sono incomplete – ha detto – . Mister Domizzi a Siena aveva tolto dal campo tutti coloro che avevano dato sentori di infortunio, ma le sostituzioni non sono mica illimitate. Ci è andato di mezzo Scrosta…”.

Ancor peggio è andata al centrocampista del Siena Vincenzo Gatto. Dopo un contrasto con Sperotto – per questo beccato dal pubblico di fede bianconera – Gatto si è accasciato al suolo ed è stato portato via in barella. K.o. tremendo: crociato più menisco, stagione largamente compromessa.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi